Ecco i paesi dove converrebbe trasferirsi per avere una pensione senza tasse e godersi di più la vita

Se stiamo raggiungendo la pensione potremmo pensare di lasciare l’Italia e andare a vivere altrove. La scelta, però, deve essere mirata. Esistono, infatti, paesi in cui la tassazione sulla pensione è quasi nulla. Questo, oltre ad un basso costo della vita, favorisce l’emigrazione dei nostri connazionali.

Si tratta di veri e propri paradisi fiscali con delle modalità che sono fatte apposta per attrarre i pensionati provenienti da altri paesi. Secondo i dati Inps, l’Istituto paga all’estero circa 330.500 pensioni per un importo che ammonta a circa 1 miliardo e 331 milioni e questi pagamenti avvengono in 164 paesi.

Ma dove si trovano queste pensioni a zero tasse? Ecco i paesi dove converrebbe trasferirsi per avere una pensione senza tasse e godersi di più la vita.

Prima di tutto dobbiamo sapere che per poter lasciare la residenza fiscale in Italia serve cancellarsi all’anagrafe e iscriversi all’Aire (anagrafe degli Italiani residenti all’estero). Dimostrare la propria residenza estera e, infine, non mantenere in Italia quello che viene definito “il centro di interessi vitali” quindi immobili, conto corrente e rapporti finanziari. Il pensionato dovrà anche usare veicoli esteri, iscriversi a club e circoli del nuovo paese e cercare di tagliare i ponti con il paese di origine.

Ecco i paesi dove converrebbe trasferirsi per avere una pensione senza tasse e godersi di più la vita

Il Portogallo è una delle mete più ambite. Questo paese permette di avere una tassazione con aliquota del 10 % per 10 anni consecutivi. Chiaramente se ne parla dopo il riconoscimento e la detassazione della pensione. Si trova nel Decreto Legge 249/2009 la figura del “Residente non abituale”.

Le condizioni necessarie per dimostrare di essere Residente non abituale sono quella di soggiornarne oltre i 183 giorni nel territorio (in alternativa presentare un contratto di un’abitazione con l’intenzione di mantenerla o occuparla). E poi non essere già stato tassato come residente fiscale del paese nei 5 anni precedenti a questa richiesta. Quando l’Agenzia delle entrate portoghesi rilascerà questa certificazione si avrà oltre all’eliminazione delle tasse, un aumento della pensione del 30 %.

Non mancano all’appello le Canarie

Anche Cipro è un paese ottimo per il suo regime fiscale. La tassazione in questo caso è del 5 % sulle pensioni estere superiori ai 3420 euro circa. Sotto questa soglia neanche esiste la tassazione. Non si transige, per ottenere questa agevolazione, sul trasferimento della residenza a Cipro.

La Turchia rientra in questi paesi dalle pensioni light. Anche qui si riconosce, come in Portogallo, la figura del Residente non abituale e valgono le stesse regole. La dimostrazione di questi requisiti consente di ottenere di ridurre dell’80 % le tasse che incidono sulla pensione. In Tunisia il regime fiscale sulle pensioni è alleggerito. Si paga il 25 % di tasse su un quinto del reddito.

Non mancano all’appello anche le meravigliose e gettonatissime Canarie. L’importo della pensione è più alto del 15 % rispetto a quello italiano. Qui, infatti, non vengono applicate l’Irpef e le imposte sia regionali che comunali. Inoltre lo stile di vita è ottimo ed economico. Sia l’Iva che le spese al supermercato risultano più basse rispetto all’Italia.

Non ci dimentichiamo inoltre che il clima e lo stile di vita di questi paesi è ottimo. In questi posti potremo infatti goderci la vita al meglio grazie al sole, al mare e ai bassi costi.

Consigliati per te