Ecco come difendersi dalle banche che fanno pagare i tassi negativi ai clienti

Andrea Orcel, amministratore delegato di Unicredit, è pronto ad applicare i tassi negativi sui conti correnti dei clienti che hanno un saldo superiore a 100.000 euro. Anche BPER e Fineco già dal 5 febbraio hanno introdotto un disincentivo sulle giacenze di conto. In poche parole si dovrà pagare una commissione per tenere ferma una somma di denaro sul conto corrente.

Questa norma è destinata a cambiare in modo definitivo il rapporto cliente-banca. Incrinando fortemente la gestione del risparmio e della liquidità.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Aloe Vera

La perdita di fiducia dei correntisti non stimolerà di sicuro il desiderio di far girare l’economia. Ma creerà un clima protezionista destinato a salvaguardare il risparmio prudente. Non è un caso che l’ammontare della liquidità sui conti correnti dei risparmiatori italiani sia superiore a 1.500 miliardi di euro.

Oltre a prestare soldi alla banca mediante la giacenza sul conto, il cliente dovrà pagare una commissione per mantenere ferma la propria liquidità. Ecco come difendersi dalle banche che fanno pagare i tassi negativi ai clienti.

Come si stanno organizzando le banche

Unicredit applica una commissione calcolata sulla liquidità presente sul conto. Le persone fisiche, che siano artigiani o professionisti, gli enti senza scopo di lucro e i consumatori non sono assoggettati al pagamento della commissione. Il criterio di applicazione della commissione detta ELF, ovvero Excess Liquidity Fee, colpisce con un tasso dello 0,5% la media delle liquidità giornaliere. Questo tasso si applica sul periodo in cui il saldo è stato eccedente rispetto al limite di 100.000 euro.

BPER applica delle commissioni per i correntisti non consumatori. Per le aperture di nuovi conti correnti è prevista una “Commissione sulla liquidità rilevante”. La commissione è pari a 50 euro per ogni 100.000 euro di saldo medio trimestrale. Se il saldo risulterà eccedente il 1.000.000 di euro la commissione sale a 70 euro per ogni 100.000 euro.

Siccome anche le banche commerciali pagano tassi negativi alla BCE sono costrette a rifarsi sul correntista per coprire costi di gestione diventati eccessivi.

Come proteggersi dai tassi negativi sui conti correnti: le soluzioni possibili

Le alternative dei correntisti per difendersi dalle commissioni delle banche sugli importi superiori a 100.000 euro esistono. Ma richiedono flessibilità da parte del  risparmiatore.

Cassette di sicurezza, conti di deposito e investimenti alternativi possono difendere il risparmiatore dall’erosione delle giacenze. Ecco come difendersi dalle banche che fanno pagare i tassi negativi ai clienti:

Per coloro che hanno reale necessità di mantenere ingenti somme liquide sui conti correnti è bene affidarsi ad esperti dei mercati finanziari. Operare senza le dovute competenze può erodere il capitale ancor più delle commissioni applicate dalle banche.

Consigliati per te