È il momento giusto per riprodurre le rose utilizzando gli scarti delle potature, ecco come fare

Come ogni giardiniere sa, l’inizio della primavera è uno dei periodi più frenetici dell’anno. Ci sono molte piante da potare, seminare, piantare e trapiantare. Finalmente la natura ritorna in vita e i primi fiori cominciano a donare un po’ di colore al nostro amato giardino dopo il grigiore dell’inverno.

Una delle prime missioni primaverili di ogni giardiniere che si rispetti, è quello di potare le rose, per assicurarsi una fioritura rigogliosa nei mesi successivi.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Ma forse non tutti sanno che gli scarti delle potature delle rose possono diventare una grande risorsa. Dagli scarti, infatti, possono nascere altre rose, utilizzando un metodo semplicissimo.

La primavera è il momento giusto per riprodurre le rose utilizzando gli scarti delle potature, ecco come fare.

Dagli scarti delle potature si possono realizzare delle talee

Le rose possono essere facilmente riprodotte per talea. Ovvero, si utilizza un ramo della pianta per produrre un’altra pianta. Un ramo tagliato può mettere radici e trasformarsi in un magnifico e rigoglioso cespuglio di rose nel giro di poche settimane. E questo è il momento giusto per riprodurre le rose utilizzando gli scarti delle potature, ecco come fare.

Scegliamo un ramo robusto della lunghezza di circa 15 cm. Tagliamolo sotto un nodo, e eliminiamo tutte le foglie tranne 2 o 3 in cima al ramo.

Ora siamo pronti per produrre la talea.

È facile realizzare una talea di rosa

Mettiamo il ramo che abbiamo selezionato a bagno nell’acqua per un paio di giorni. Possiamo aggiungere all’acqua anche dei prodotti specifici per stimolare la radicazione, ma non sono strettamente necessari.

Poi, selezioniamo un vaso abbastanza profondo, e riempiamolo di terriccio drenante.

Piantiamo il nostro ramo di rosa nel terriccio, e manteniamolo umido ma non troppo intriso di acqua. Proteggiamo la nostra talea di rosa: se il clima non è ancora abbastanza caldo, è meglio tenerla dentro casa.

Nel giro di poche settimane la nostra talea si trasformerà in una nuova pianta di rosa. Ecco anche una guida più dettagliata sulla realizzazione delle talee.

Consigliati per te