Dimagrire col work-out Sakuma

Dimagrire col work-out Sakuma. Fa sparire subito il mal di schiena e questo è già un successo. Migliora la postura e fa anche perdere peso. Il nuovo work out giapponese creato dal personal trainer Kenichi Sakuma, è spiegato anche nel suo libro, ricco di consigli di alimentazione, concentrato su questa fitness routine semplice ed efficace. Ecco come far sparire la pancia, tonificare i glutei e le cosce già in due settimane. Senza spendere un euro per la palestra.

Movimenti semplici e nessun attrezzo

Gli esercizi proposti sono semplici, molto controllati e tutti mirati sulla zona centrale del corpo, composta da addominali, muscoli paraspinali che sostengono la schiena, glutei, bacino e zona lombare. Con un po’ di pazienza, tutto si attivano e già dopo qualche giorno si cambia modo di camminare.

Dimagrire col work-out Sakuma

Il primo esercizio serve per stimolare i muscoli che non si usano spesso, come quelli sotto la scapola, nella parte alta dei fianchi e nell’interno coscia. Si parte a terra a pancia in giù con le mani dietro la testa e il petto, le cosce e i polpacci sollevati da terra. Questa posizione va tenuta per 10 secondi per tre volte di fila, con le gambe che spingono l’una contro l’altra. Poi si ripete incrociando i piedi. Il secondo esercizio prevede solo la variante delle caviglie incrociate e le ginocchia divaricate. Si resta nella posizione a zampa di granchio e si sollevano le cosce dal pavimento per 10 volte, tenendo la posizione per 6 secondi. Se non riesce subito, non insistere. Andrà meglio domani.

Esercizi sul letto

Questi esercizi si possono fare sul letto o su una sedia. Si solleva prima un fianco, poi l’altro. Sollevando il piede da terra, per 10 volte e mantenere la posizione 3 secondi per gamba. Serve molta concentrazione, bisogna tenere le spalle ferme. Sempre seduti, si appoggiano i gomiti sulle ginocchia e si incrociano le braccia. Poi, con la schiena un po’ spostata in avanti, si alzano le braccia oltre la testa e si mantiene la posizione per 6 secondi, ripetendo 10 volte.

Stretching finale

Ultimo esercizio, lo stretching: si parte in piedi e ci si rannicchia a terra, abbracciando le ginocchia e piegando la testa senza sollevare i talloni. Poi ci si alza piano, ci si allunga completamente e lentamente, andando a stendere le braccia verso l’alto e più indietro che si può. Ripetere 10 volte.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te