Cosa succede se si affitta un appartamento ereditato senza aver presentato la dichiarazione di successione?

Cosa succede se si affitta un appartamento ereditato senza aver presentato la dichiarazione di successione?

Quante volte, ti sarai chiesto se si può affittare un appartamento ereditato senza aver presentato la dichiarazione di successione. Se tale scelta sia lecita o meno e quali conseguenze possa comportare.

La risposta alla tua domanda è affermativa. Sicuramente è lecito affittare l’appartamento ereditato anche senza aver fatto la successione!

Fai trading sui mercati più famosi del mondo ed esplora le infinite opportunità con Plus500

Inizia a fare trading »

Il 76,4% degli investitori al dettaglio perde denaro sul proprio conto quando negozia CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Tuttavia, è bene sapere che nel momento in cui si firma un contratto di fitto si accetta tacitamente l’eredità.

Questo significa che l’erede si impegnerà a pagare anche gli eventuali debiti contratti dal defunto.

Non potrà, pertanto, più rinunciare all’eredità o accettarla con beneficio d’inventario.

Cosa succede se si affitta un appartamento ereditato senza aver presentato la dichiarazione di successione

La Suprema Corte con la sentenza n. 21950/19 del 02.09.2019 ha stabilito che “firmare un contratto di fitto e registrarlo all’Agenzia delle Entrate costituisce una tacita accettazione dell’eredità”. Un atto incompatibile con la rinuncia all’eredità.

Ragion per cui, non c’è neanche bisogno di eseguire prima l’accettazione dell’eredità.

La firma su un contratto di affitto rientra a pieno titolo tra i comportamenti che implicano un’accettazione tacita dell’eredità.

L’Agenzia dell’Entrate non potrà, infatti, rifiutare di registrare il contratto di affitto anche se l’erede non ha ancora presentato né la dichiarazione di successione né l’accettazione dell’eredità.

Come si registra il contratto di fitto

All’atto della registrazione del contratto, l’immobile risulterà ancora intestato al defunto.

L’erede, infatti, non avendo presentato la dichiarazione di successione è un semplice chiamato all’eredità.

Ma allora, se il titolare dell’immobile (il defunto) e il soggetto che chiede la registrazione del contratto (chiamato all’eredità) non coincidono come si può registrare il contratto?

Quale soggetto deve essere indicato nel contratto di affitto se l’erede non è ancora erede e chi deve firmarlo?

Di sicuro, il contratto deve essere intestato all’erede.

Pertanto, l’erede all’atto della registrazione del contratto all’Agenzia delle Entrate, dovrà allegare una dichiarazione sostitutiva di atto notorio per uso successione.

Una volta, effettuata l’accettazione dell’eredità e volturato l’immobile in capo a tutti gli eredi che devono aver accettato l’eredità, il contratto di affitto va firmato da tutti gli eredi.

Il canone di locazione andrà ripartito in proporzione alle rispettive quote.

Approfondimento

E’ obbligatorio volturare le utenze del defunto? Entro quanto tempo procedere e quanto costa

Scopri Plus500
Scopri Plus500

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.