Cosa dobbiamo fare se si perde la carta del libretto postale

Da anni ormai Poste Italiane propone ai suoi clienti prodotti finanziari e bancari, tra i quali emerge il conto corrente e a seguire la carta ricaricabile. Più antico, ma con nuove formule, il libretto postale oggi ha anche una relativa carta che permette di prelevare e controllare il conto. Ecco però che all’improvviso non si riesce a capire perché non si trova più dove l’avevamo conservata. Cosa dobbiamo fare se si perde la carta del libretto postale? Ecco tre semplici passi da compiere.

Si tratta di carte collegate al circuito Postamat carte Maestro che fornisce informazioni in caso di furto o smarrimento, perciò non disperiamo.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Cosa fare in caso di furto o smarrimento

Molte volte non è facile trovare il percorso più rapido per risolvere queste cose. Si sente la necessità di conoscere chiaramente i passi da compiere affinché il tempo da spendere dietro alle procedure sia il meno possibile. Per questo cercheremo di fornire consigli mirati.

Le carte possono essere smarrite, rubate o anche clonate e questo chiaramente può accadere anche alla PostePay e anche alla carta libretto. Vediamo passo dopo passo cosa fare in questi casi. È importante capire subito cosa fare per non mettere a rischio i nostri risparmi. Capire come muoversi è indispensabile, quindi cosa dobbiamo fare se si perde la carta del libretto postale? Ecco tre semplici passi da compiere.

Come muoversi

Se abbiamo smarrito la nostra carta libretto o ci è stata rubata, è necessario bloccarla immediatamente. Chiamando il numero verde 800.902.122, si potrà parlare con un operatore a cui si chiederà di bloccare la carta. Dopo aver fornito le nostre generalità e il numero della carta, per dimostrare in questo modo di essere noi i titolari della carta libretto, potremo bloccarla.

Il secondo passaggio è quello di denunciare alla Polizia lo smarrimento della carta. La denuncia ci servirà come prova necessaria per avere una nuova carta. Nel caso di un prelievo fraudolento la denuncia serve anche per l’eventuale rimborso da parte di Poste Italiane.

Con la denuncia ci si reca allo sportello e si chiede una carta nuova che ci consegneranno personalmente per poi inviarci un nuovo PIN per posta.

Se nel frattempo si avesse bisogno di prelevare lo stipendio o semplicemente si desidera prelevare somme dal proprio libretto, in attesa della carta nuova fa fede il libretto con la carta d’identità.

Questo servirà a risolvere il disagio che l’attesa ha provocato. Così da poter aspettare l’arrivo del nuovo PIN della carta libretto senza avere impedimenti di sorta.

Consigliati per te