Confindustria attacca il reddito di cittadinanza e striglia la politica, basta «misure di parcheggio temporaneo»

Chiosa duro il Vice-Presidente di Confindustria per il Capitale Umano, Giovanni Brugnoli. Nel mirino in particolare le misure per così dire tampone a suon di Bonus e sussidi ai giovani che andrebbero a impigrire la ricerca di lavoro. Lo apprendiamo da comunicazione sul sito ufficiale dell’Ente.

Gli effetti negativi dei sussidi

Nello specifico, il Vice fa riferimento al reddito di cittadinanza che, sebbene sia «una misura sacrosanta in chiave di inclusione e contrasto alla povertà», genera un effetto poco lusinghiero. Ci sono aziende che hanno difficoltà a reperire personale perché molti, con il reddito di cittadinanza, sarebbero disincentivati ad impegnarsi. Pare che nei primi due anni e mezzo, il reddito di cittadinanza sia costato circa 20 miliardi di euro. Così Confindustria attacca il reddito di cittadinanza ma soprattutto fa appello alla politica. Il monito è chiaro: agire per interventi strutturali che promuovano politiche di occupazione reale e duratura. E non è il primo che prende di mira il reddito di cittadinanza che secondo il deputato pentastellato Generoso Maraia va solo migliorato ma non revocato. Invece, per Giovanni Brugnoli sarebbe (anche) uno strumento elettorale.

Confindustria attacca il reddito di cittadinanza e striglia la politica, basta «misure di parcheggio temporaneo»

Appello anche all’Istituzione scolastica e cioè al PNRR Scuola per una realtà più laboratoriale, europea, competitiva. Un monito alla competenza che deve crescere, salire di livello e non contentarsi delle misure di sussistenza. Che possono servire per un periodo. Brugnoli fa riferimento alla qualità manifatturiera italiana che fa del nostro Paese il secondo in Europa. Ancora, siamo la «settima economia al Mondo, ma molti nemmeno lo sanno». La scuola viene considerata centrale, «se fatta bene», precisa il Vice e aggiunge che altri Paesi come l’India, la Cina, Stati Uniti hanno programmi sulla scuola fino al 2040-2050.

Lettura consigliata

La guerra mette in crisi anche l’argilla ma Confindustria Ceramica spinge per l’arrivo da altri Paesi vista la domanda in crescita

Consigliati per te