Come si calcola l’importo della pensione di cittadinanza per gli invalidi civili

La normativa italiana va a tutelare tutta una serie di persone che rientrano nella categoria dei fragili. Tra di esse gli invalidi civili e gli inabili al lavoro. Per questi cittadini, infatti, è previsto che siano riconosciute delle prestazioni economiche che possono essere assistenziali o previdenziali. A cui si possono sommare, eventualmente, anche i sussidi previsti dal DL 4/2019: il reddito e la pensione di cittadinanza. Ma come si calcola l’importo della pensione di cittadinanza per il cittadino invalido che percepisce altre prestazioni?

Indice dei contenuti

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Le tutele agli invalidi civili

Come abbiamo detto gli invalidi civili possono contare sull’aiuto dello Stato, anche se quest’ultimo nella maggior parte dei casi è insufficiente per vivere. Oltre alla pensione di invalidità parziale e totale, infatti, esistono anche misure come l’assegno ordinario di invalidità che permette di continuare a lavorare. E l’indennità di accompagnamento.

A queste misure, poi, si aggiunge anche la pensione o il reddito di cittadinanza. Si tratta, sostanzialmente di misure gemelle con poche variazioni. La pensione di cittadinanza, ad esempio, spetta solo ai nuclei familiari in cui tutti i componenti abbiano compiuto i 67 anni. Ma per i componenti inabili non vi è vincolo di età.

Il sussidio per gli inabili

Se, quindi, una persona inabile o invalida vive sola può avere la pensione di cittadinanza. Sia come fonte di redditi che ad integrazione del reddito già percepito, ad esempio, con pensioni assistenziali o previdenziali. In questo secondo caso, però, l’importo della PdC è rapportato ai redditi già percepiti dall’invalido (o dal nucleo familiare se composto da più persone).

Il fatto che ha portato alla nascita di molte polemiche, però, è legato all’incremento della pensione di invalidità totale. Perché questo aumento ha portato alla diminuzione o alla decadenza del sussidio percepito.

Come si calcola l’importo della pensione di cittadinanza per gli invalidi civili

L’importo base della pensione di cittadinanza è puramente ipotetico. Ovvero spetterebbe solo a chi ha ISEE pari a zero e nessuna entrata mensile. In tutti gli altri casi l’importo base di 630 euro (da moltiplicare per il coefficiente di trasformazione) si rapporto ad ISEE e reddito.

Anche se sembra incredibile in alcuni casi gli aumenti disposti dalla sentenza 152/2020 alle pensioni di invalidità totali hanno procurato un danno agli invalidi. O almeno a quelli che percepiscono il sussidio di integrazione.

Tale aumento, infatti, rientra nel calcolo dell’ISEE e nel 2022 sorgono i primi effetti di questi aumenti. Gli ISEE degli invalidi, infatti, sono saliti e questo ha comportato in alcuni casi la riduzione delle somme percepite a titolo di RdC o PdC. In altri, invece hanno portato addirittura all’azzeramento del diritto al sussidio.

Ma la pensione di invalidità non dovrebbe essere esclusa dall’ISEE? Si, il trattamento assistenziale è escluso dall’ISEE, ma non la maggiorazione riconosciuta con l’aumento. L’importo della pensione di invalidità, infatti è sempre di 291 euro circa mensili. L’integrazione a 660 euro, però, è frutto di una maggiorazione che, in base alla normativa, rientra nell’ISEE portando effetti anche sulla pensione di cittadinanza e sul reddito di cittadinanza.

Lettura consigliata

Dove si presenta domanda e come viene pagata la pensione di cittadinanza INPS

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te