blank

Come proporre reclami in caso di errore nei rimborsi del cashback. Le ultime novità

Da quando si è introdotto il progetto cashback, si è registrata un’ampia adesione ma anche molte lamentele.

In particolare, in parecchi, hanno contestato l’errore nel calcolo delle transazioni e negli accrediti del rimborso. Senonché, stanti le numerose rimostranze, a partire dal 15 febbraio, si è istituito un apposito sito per poter proporre reclami.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Oil Free Fryer, la vera friggitrice ad aria

Scopri il prezzo lancio

Friggitrice Fryer

In particolare, al momento, essi possono essere elevati con riguardo ai mancati rimborsi del cashback sperimentale, di Natale. Si ricordi che nella prima fase del programma, per ottenere il rimborso, erano sufficienti solo dieci transazioni con moneta elettronica.

Molti, però, lamentano di aver fatto operazioni che non sono state conteggiate. Per questa ragione, essi non hanno conseguito nessun rimborso. Non avendo ottenuto il riconoscimento delle transazioni. Ebbene, l’errore, può essere dipeso da diversi fattori.

Anzitutto, la non adesione del circuito al programma. Quindi, se i pagamenti, effettuati con il Bancomat in contactless, si sono trasferiti sul circuito Maestro, le transazioni non sono state conteggiate. Ciò, proprio per assenza di una convenzione tra detto circuito e PagoPa. Ne deriva che, tutti i circuiti non convenzionati, hanno creato questo disservizio.

A questo punto, dunque, vediamo come proporre reclami in caso di errore nei rimborsi del cashback.

Modalità di proposizione dei reclami

La possibilità di proporre reclamo nei casi sopra indicati, è stata annunciata, già il mese scorso, dalla Consap, Concessionaria dei servizi assicurativi pubblici. Tuttavia, la piattaforma si è attivata solo a partire da metà di febbraio. Ma vediamo come proporre reclami in caso di errore nei rimborsi del cashback.

Anzitutto, occorrerà registrarsi al sito reclamicashback.consap.it. Si devono, cioè, inserire i propri dati e l’e-mail e poi si può procedere. Trasmettendo gli scontrini delle transazioni non computate. Dopodiché, l’utente riceverà risposta entro trenta giorni.

Per i reclami relativi al cashback di Natale, sarà possibile agire fino al 29 giugno 2021.

Successivamente, per la seconda fase di cashback, quello annuale, sarà possibile proporre reclami secondo le seguenti cadenze: 1) per il cashback che va dal primo gennaio al 30 giugno, è possibile reclamare fino al 29 dicembre 2021; 2) per il cashback che va dal primo luglio al 31 dicembre, il reclamo è proponibile entro il primo luglio 2022; 3) infine, per quello che va dal primo gennaio al 30 giugno, il reclamo va proposto entro il 29 dicembre 2022.

Consigliati per te