Attenzione alla scadenza INPS per non perdere quella che potrebbe essere l’ultima occasione per andare prima in pensione

L’Ape Sociale introdotta dalla Legge di Bilancio nel 2017, riconfermata dalla Legge di Bilancio n.178/2020, è un’indennità a carico dello Stato per determinati soggetti. È nata infatti, come un progetto sperimentale che consente un pensionamento anticipato per coloro che si trovano in determinate situazioni. In particolare che sarà necessario che abbiano compiuto almeno 63 anni di vita e, ovviamente, che non percepiscano pensione diretta in Italia o all’estero. La Legge di Bilancio ha prorogato tale misura fino a 31 dicembre 2021. Come descritto dai consulenti di ProiezionidiBorsa nell’articolo “L’INPS avvia le domande per la pensione a 63 anni con questo strumento”.

L’indennità è pari alla rata mensile di pensione calcolata al momento dell’accesso alla prestazione se l’importo è inferiore a 1.500. Corrisponderà sempre a 1.500, anche qualora l’importo sia superiore. Attenzione, però, alla scadenza INPS per non perdere quella che potrebbe essere l’ultima occasione per andare prima in pensione. I consulenti di ProiezionidiBorsa, quest’oggi, ricordano ai cittadini il termine entro cui fare l’attestazione di quella che potrebbe essere l’ultima chiamata per questa importante misura.

Attenzione alla scadenza INPS per non perdere quella che potrebbe essere l’ultima occasione per andare prima in pensione

Per accedere all’Ape Sociale, oltre a dover avere determinati requisiti e situazioni, è necessario presentare due distinte domande. In particolare, la domanda di riconoscimento delle condizioni di accesso alla misura. A tal proposito, sono previste tre date, ovvero 31 marzo 2021, 15 luglio 2021 e 30 novembre 2021. Nonché la domanda di accesso alla prestazione. Ma come dicevamo sopra, attenzione perché la data del 15 luglio, potrebbe essere l’ultima opportunità.

Ciò perché, per quanto riguarda l’ultima scadenza (30 novembre 2021), l’INPS terrà in considerazione le domande soltanto se rimarranno risorse necessarie. L’indennità sarà erogata fino a quando si raggiungerà l’età per la pensione, dal primo giorno del mese successivo alla domanda. Quindi attendere il 30 novembre comporterebbe il rischio che non vi siano più le risorse necessarie. Pertanto, sarà bene affrettarsi e fare la domanda entro e non oltre il 15 luglio 2021.

Approfondimento

Pochi sanno quanto è grossa la mazzata sulla pensione se non si programmano queste cose scaltre

Consigliati per te