A quanto ammonta la pensione con 15 anni di contributi?

Il contribuente che desidera andare in pensione ma ha versato i contributi solo per 15 anni si chiede a quanto ammonta l’assegno che riceverà. Ovviamente l’importo che l’Inps potrà corrispondere mensilmente sarà modesto. Conviene pertanto sapere se si ha diritto alle maggiorazioni sociali e se si può richiedere anche la pensione di cittadinanza. Nell’altro articolo “Quanto costa pagare un anno di contributi volontari?” abbiamo fatto delle previsioni di spesa per aumentare il montante contributivo.

Occupiamoci adesso di verificare a quanto ammonta la pensione con 15 anni di contributi e se sia eventualmente possibile incrementarne l’importo. Ricordiamo che accedono alla pensione con 15 anni di contributi i beneficiari delle deroghe Amato per le quali si rimanda al decreto legislativo n. 503/1992. In sostanza si tratta dei lavoratori che hanno versato contributi prima del 31 dicembre 1992 per un periodo di almeno 780 settimane.

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

A quanto ammonta la pensione con 15 anni di contributi?

Come si calcola l’ammontare dell’assegno che riceverà il contribuente che possiede 15 anni di contributi e ha raggiunto i 67 anni di età? Iniziamo col dire che non si può definire con esattezza l’importo perché esso non è fisso, ma cambia in ragione di alcune variabili. L’entità dell’assegno subisce un incremento o un decremento a secondo del sistema di calcolo che si adotta. Il sistema retributivo si fonda ad esempio sugli ultimi o sui più alti stipendi che il lavoratore ha percepito. Il sistema contributivo invece prende in esame la storia contributiva e l’età anagrafica del richiedente il trattamento previdenziale.

Con 15 anni di contribuzione l’importo dell’assegno pensionistico è calcolato in parte col sistema retributivo, in parte con quello contributivo.

a)Per i lavoratori che al 31 dicembre 1995 possono vantare il possesso di un montante contributivo inferiore ai 18 anni si utilizza il sistema retributivo.

b)Per i periodi successivi alla suddetta data si deve invece ricorrere al sistema contributivo.

c)Per chi volesse cimentarsi nel calcolo, la formula del sistema retributivo è la seguente: retribuzione pensionabile x coefficiente di proporzionalità x numero di contributi.

d)Per il calcolo secondo il sistema contributivo invece la formula prevede: l’ammontare complessivo dei contributi x il coefficiente  di trasformazione

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te