9 elegantissime piante per la camera da letto che aiuterebbero a dormire meglio

piante

È ormai pacificamente condiviso che le piante in camera da letto non fanno male. Una pianta infatti produce durante il giorno una quantità di ossigeno molto superiore a quella che assorbe durante la notte. Secondo gli esperti una pianta da appartamento produrrebbe di giorno circa 900 ml di ossigeno e di notte ne assorbirebbe solo 90 ml, un decimo. Questi dati dovrebbero convincere anche i più riluttanti a vincere ogni resistenza e a concedersi il piacere di dormire in una stanza resa più accogliente dalla presenza di specie bellissime. Ecco 9 elegantissime piante per la camera da letto.

Piante che favoriscono il relax

Quali sono le specie più adatte per favorire il relax e conciliare il sonno? Secondo gli esperti l’aloe vera, lo spatafillo e l’edera sarebbero in grado di migliorare la qualità dell’aria e di liberarla da diverse forme di allergeni e dalle muffe. Il che significa migliorare la qualità del sonno. L’edera è una perenne molto resistente che non si secca mai.

Ma anche l’elegantissima gerbera avrebbe lo stesso effetto e in più creerebbe delle macchie di colore meravigliose nella nostra camera. Se vogliamo riempire l’aria di note profumate oltre che di colore, scegliamo la lavanda o il gelsomino. Il loro profumo inebriante eserciterebbe un’azione rilassante perfetta per conciliare il sonno.

Nella scelta dei vasi lasciamoci guidare dagli arredi e dalla biancheria da letto. I vasi in terracotta si abbinano bene ai colori neutri e alle tinte naturali. I vasi dai colori vivaci danno carattere a un arredo minimal.

9 elegantissime piante per la camera da letto con poca luce

Quali sono le piante che sopravvivono anche con poca luce? Spesso le camere da letto non sono stanze particolarmente luminose perché gli spazi più soleggiati vengono riservati alla zona giorno in cui trascorriamo più tempo. In questo caso potremmo scegliere un photos con le bellissime foglie a forma di cuore, dalle sfumature in giallo e avorio, lucide e spesse. È una pianta ricadente che può trovare posto nei vasi sospesi oppure su un ripiano in modo che il fogliame ricada sul pavimento. In questo modo l’effetto scenografico è assicurato.

Scegliamo dei vasi dal colore blu intenso che si armonizza bene con il verde delle foglie. Oppure optiamo per la yucca. È una pianta succulenta originaria delle Americhe, facile da coltivare e molto resistente. Vive bene anche in penombra ma è piuttosto voluminosa e può raggiungere le dimensioni di un vero albero. Si dice che porti fortuna.

Soluzioni per una camera da letto piccola

A volte le camere da letto hanno spazi ridotti o occupati da scrivanie e tavoli da lavoro. Ma possiamo trovare sempre il posto per un elegantissimo terrarium. Si tratta di un contenitore di vetro trasparente in cui sono inserite delle piante. Ciottoli, muschio e sabbia insieme alla pianta formano dei piccoli paesaggi e creano con il vetro stupendi giochi di luce. Il contenitore è chiuso ma la pianta riesce a sopravvivere e ad avere un proprio ciclo vitale. I terrarium richiedono pochissima cura. Infatti, non hanno bisogno di annaffiature se non poche volte all’anno, quando il terriccio risulta asciutto. In questo caso basta nebulizzare dell’acqua piovana o demineralizzata sulla pianta e sulla terra.

Per la camera da letto è perfetto il ficus bonsai che con il vetro crea effetti ottici straordinari. Ha bisogno di uno spazio luminoso ma non direttamente esposto al sole e di una temperatura oscillante tra 15 e 27 gradi. Possiamo ruotare il vaso una volta alla settimana per dare alla pianta un’esposizione uniforme.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te