Mai più piante appassite o secche grazie a questo metodo geniale

Si sente spesso in giro che c’è chi ha il pollice verde e chi no. Conseguenza diretta di ciò è che in molti tra noi pensano di non avercelo e quindi trascurano le proprie piante. Le bagnano troppo, o troppo poco. Altrimenti, prendono solo delle piante grasse che vivono quasi da sole.

Noi di ProiezionidiBorsa non la pensiamo così. Riteniamo, infatti, che ognuno di noi possa avere il pollice verde, naturalmente ad una condizione. Avere delle piante è una scelta che ci deve spingere a conoscerle, e a sapere come curarle. Infatti, mai più piante appassite o secche grazie a questo metodo geniale.

Indice dei contenuti

Bottigliette di gel

Gli esperti di giardinaggio suggeriscono le bottigliette di gel. In pratica, si tratta di un composto di fibre di cellulosa e acqua. Sembra essere una bella panacea, ma dobbiamo capire come usarla. Prima di applicarla, dobbiamo rendere il terriccio molto umido. In seguito, andiamo a piantare con una profondità di alcuni centimetri la nostra bottiglietta.

Grazie al passare del tempo, il gel comincerà a dissolversi nella terra dandole tutti i nutrimenti necessari. In commercio ci sono bottigliette che durano anche fino a trenta giorni. Di solito, questa è la soluzione usata per chi parte in vacanza e che quindi non può annaffiare le proprie piante.

Tuttavia, sembra proprio che questa sia anche la soluzione perfetta tutto l’anno. Ricordiamoci solo che se usiamo questa strategia tutto l’anno, dobbiamo regolare l’acqua che daremo. Se continueremo ad annaffiare le piante come prima, rischiamo di far marcire le radici. Infatti, sembra proprio che le nostre piante muoiano non per la troppa poca acqua, ma al contrario per il suo eccesso. Infatti, mai più piante appassite o secche grazie a questo metodo geniale.

Approfondimento

Se il Lettore ha gradito questo articolo sulla cura delle piante, consigliamo vivamente la lettura di quest’altro pezzo su “La pianta perfetta per profumare la cucina e rendere i nostri piatti gourmet“.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te