Ecco tutti i concorsi pubblici del 2021

Ottime notizie per chi è alla ricerca di un impiego nella Pubblica Amministrazione (PA). Il famigerato posto fisso fa gola a tante persone soprattutto in questo delicato momento storico complicato dalla perdita di molti posti di lavoro (qui un approfondimento sullo stato occupazionale in Italia). Non bisogna disperare però poiché sono previste numerose assunzioni in diverse Amministrazioni dello Stato. Infatti, lo scorso 16 novembre il Consiglio dei Ministri ha approvato la bozza della Legge di Bilancio del 2021 che, tra gli altri provvedimenti, autorizza alcune Amministrazioni centrali a reclutare nuove risorse. Ecco tutti i concorsi pubblici del 2021.

30.000 posti nella PA

Secondo quanto si apprende dal testo della bozza del Bilancio (“Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2021 e il Bilancio pluriennale per il triennio 2021-2023”) presentata dal Ministro dell’Economia Gualtieri in Parlamento ci saranno concorsi per circa 30.000 posti entro il 2023. Come è noto, l’età media degli impiegati pubblici in Italia è molto avanzata. Una massiccia dose di assunzioni rappresenterebbe al tempo stesso uno svecchiamento della burocrazia e un’opportunità per molti giovani laureati. Ma quali sono le Amministrazioni che assumono di più?

Ecco tutti i concorsi pubblici del 2021

Ministero della Giustizia: circa 3000 funzionari non dirigenziali. Dal testo emerge che l’Amministrazione sia una tra tutte le altre che soffre gravi scoperture di organico.

Ministero dell’interno: 250 funzionari non dirigenziali da impiegare nel personale dell’Amministrazione civile dell’Interno.

Ministero dell’Istruzione: richiestissimi gli insegnanti di sostegno. È stimata complessivamente in 25.000 risorse la domanda del dicastero per personale da affiancare ai ragazzi più in difficoltà. Si tratta di unità da assumere in tre distinte annualità.

Vigili del Fuoco: 750 vigili del fuoco da assumere nel 2021-2023 (250 unità all’anno).

Numerose altre Amministrazioni sono autorizzate a bandire nel periodo di tempo indicato dalle norme previste nel testo. Si ricorda che il testo è provvisorio e che per diventare definitivo necessita del vaglio del Parlamento. Il testo infatti deve essere approvato dalle Camere entro la fine del 2020 per trovare vigenza. Per una consultazione dettagliata dei concorsi in uscita si consiglia di prendere visione del testo definitivo.

Consigliati per te