Come pagare le tasse arretrate prima che arrivino le cartelle esattoriali

Un contribuente che ha dei debiti fiscali, e quindi delle imposte non pagate, in genere deve far fronte nel tempo ad importi dovuti all’Agenzia delle Entrate che tendono a lievitare. E questo perché, quando non si è in regola con le tasse da pagare, maturano poi oltre alle sanzioni pure gli interessi.

La soluzione migliore sui debiti fiscali, per un contribuente, è sempre quella di riuscire a pagare prima che arrivino le cartelle esattoriali. In quanto in tal caso i debiti fiscali saranno iscritti a ruolo. Ed il contribuente che non ha i soldi per pagare rischia ipoteche e pignoramenti. Ma anche i fermi amministrativi.

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Come pagare le tasse arretrate prima che arrivino le cartelle esattoriali

Nel dettaglio, tra la scadenza non rispettata, per le tasse da pagare, e l’arrivo della cartella esattoriale, c’è sempre una finestra temporale. All’interno della quale sarà possibile sanare la propria posizione. Avvalendosi, nella fattispecie, dell’istituto del ravvedimento operoso.

Su come pagare le tasse arretrate, infatti, con il ravvedimento operoso c’è tempo per mettersi in regola fino al termine relativo alla presentazione della dichiarazione per il tributo che non è stato versato. In tal caso il contribuente potrà avvalersi del cosiddetto ravvedimento operoso lungo. Ma versando prima, con il ravvedimento sprint o con il ravvedimento breve, le sanzioni applicate, rispetto a quelle ordinarie, si riducono sensibilmente. Vediamo allora come.

Sanare la propria posizione debitoria con il Fisco grazie al ravvedimento entro 30 giorni

In particolare, il ravvedimento operoso è detto sprint quando il contribuente sana la propria posizione entro e non oltre 14 giorni. Rispetto alla scadenza originaria per il pagamento del tributo. Mentre pagando dopo 14 giorni, ma entro 30 giorni dalla scadenza originaria, il ravvedimento operoso è detto breve. Ed il tutto a patto che la violazione fiscale non sia stata già contestata. Indipendentemente dal tipo di ravvedimento di cui il contribuente intende avvalersi.

Di conseguenza, prima che arrivi la cartella esattoriale, il ravvedimento operoso è un istituto la cui fruizione è vantaggiosa non solo per chi non ha potuto versare le imposte entro la scadenza imposta dal Fisco. Ma anche per chi, a conti fatti, si è in tutto e per tutto dimenticato di pagare le tasse. Con le sanzioni e con gli interessi, al tasso annuo legale previsto e fissato ai sensi di Legge, che diminuiscono come sopra detto in ragione della tempestività, rispetto alla scadenza originaria, con cui si sana la propria posizione debitoria.

Approfondimento

Pagare le tasse con F24 in ritardo con il ravvedimento operoso

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te