Azioni Unicredit a 18 euro, quanto è realistico questo scenario?

unicredit

Partiamo da due dati che permettano di capire le difficoltà che hanno dovuto affrontare gli azionisti di Unicredit negli ultimi 15 anni. Nel corso del 2007, prima del fallimento di Lehman Brothers, ogni azioni dell’istituto bancario valeva oltre 240 euro. Da quelle vette il titolo è arrivato a perdere oltre il 95%. Una batosta che anche a chi pratica regolare attività fisica potrebbe avere provocato, nel migliore dei casi, forti palpitazioni.

Stando a quanto dichiarato dall’amministratore delegato Andrea Orcel, però, le cose potrebbero essere cambiate. I primi nove mesi del 2022, infatti, sono stati i migliori da almeno un decennio. Basti pensare che in questa prima parte dell’anno sono stati già raggiunti e superati i risultati di tutto il 2021. Inoltre, l’istituto bancario è in netto anticipo sugli obiettivi del piano industriale. Tanto che sarà possibile una distribuzione degli utili almeno uguale a quella del 2021. Ricordiamo che il 18 aprile Unicredit ha staccato un dividendo di 0,538 euro per azione per un rendimento, alle quotazioni attuali, di oltre il 4%. Certo non un dividendo al livello di questo di Intesa Sanpaolo che si aggira intorno al 10%, ma comunque interessante viste le possibili/probabili sorprese positive.

Quanto è realistico lo scenario che vede le azioni Unicredit a 18 euro? Le indicazioni dell’analisi grafica

Il titolo Unicredit (MIL:UCG) ha chiuso la seduta del 28 ottobre in ribasso dello 0,44% rispetto alla seduta precedente, a quota 12,258 euro.

La settimana appena conclusasi ha visto il forte rialzo delle quotazioni che ha portato alla rottura dell’importantissima resistenza in area 11,454 euro. Se confermata, questa rottura al rialzo potrebbe portare a un’ulteriore accelerazione rialzista il cui prossimo obiettivo potrebbe andare a collocarsi in area 14,666 euro (II obiettivo di prezzo). La massima estensione rialzista, poi, potrebbe andare a collocarsi in area 17,878 euro (III obiettivo di prezzo). Un livello che il titolo non vede da oltre 5 anni. Ecco, quindi, che lo scenario che vede le azioni Unicredit a 18 euro potrebbe essere molto probabile.

Questo scenario potrebbe venire meno nel momento in cui le quotazioni non dovessero confermare la rottura di area 11,454 euro. In questo caso non sono da escludere ritorni in area 10 euro.

unicredit

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te