Andare in vacanza in Sicilia non solo al mare ma in questo borgo tra i più belli

Diverse persone hanno viaggiato in lungo e in largo durante l’estate. Tanti però si apprestano a partire e ripartire sfruttando le ultime giornate estive. Ci si potrà concedere una fresca vacanza d’estate in montagna, ma spesso se ne approfitterà per andare in una spiaggia poco frequentata e poco affollata.

Le attrattive però possono essere ancora più vaste senza limitarsi nei luoghi né nei periodi. Possiamo valutare di andare all’estero così come di rimanere nella nostra penisola, una soluzione che spesso ci consente di fare dei bellissimi soggiorni spendendo poco.

Infatti, potremmo cercare anche un posto dove andare in vacanza a fine settembre o inizio ottobre in Italia, se non addirittura a novembre.

Posti dove rilassarsi

Tra le zone molto gettonate della nostra penisola spesso vi sono le nostre isole, predilette già per il paesaggio marittimo. Quanti d’altronde hanno ricercato una località economica per le vacanze al mare in Sardegna o in Sicilia? Sono zone però che ci offrono anche altre attrattive ideali per tutto l’arco dell’anno, incluso l’inverno.

Per farsene un’idea è sufficiente pensare alla moltitudine di bellezze artistiche e naturali siciliane, senza tralasciarne le bontà culinarie. Infatti, per andare in vacanza in Sicilia non solo al mare esistono tante possibilità.

Oltre alle città più note, vi potremo scoprire piccoli borghi che sono delle vere e proprie perle. Ad esempio qualche borgo incastonato tra le colline che si snoda tra vicoli e panorami mozzafiato.

Un’interessante possibilità è volgere la propria attenzione verso un borgo eletto tra i più belli d’Italia dall’omonima associazione. Si tratta di Ferla, un piccolo paese in provincia di Siracusa incredibilmente suggestivo.

Andare in vacanza in Sicilia non solo al mare ma in questo borgo tra i più belli

Ferla sorge nella Val di Noto, al di là dei Monti Iblei. È un piccolo borgo medioevale e sembrerà portare indietro nel tempo chi vi soggiorna.

Caratteristica del luogo la cosiddetta via sacra, ossia via Vittorio Emanuele. Lungo quest’ultima infatti si snodano ben 5 luoghi di culto: la chiesa del Carmine, quella di San Sebastiano, quella Madre, di Santa Maria e di Sant’Antonio. Varrà la pena visitarle per ammirarne la fattura e le opere custoditevi all’interno.

Aggirandoci per le stradine del borgo non ci si potrà poi non soffermare su alcuni elementi del passato ancora presenti. Caratteristici gli antichi edifici adibiti a stalle, così come le porte dotate di passaggi per i gatti e di finestrelle per spiare.

Durante le nostre passeggiate ci imbatteremo poi in diversi e imponenti edifici barocchi, come il Palazzo di Mirabella che ospita il museo parrocchiale.

Imperdibile sarà una visita alla Necropoli di San Martino e alla Necropoli di Pantalica, quest’ultima distante pochi km e dichiarata Patrimonio dell’Umanità. Qui si trova l’unico esempio di edificio megalitico miceneo siciliano, ma potremo vedere anche il villaggio bizantino di San Micidario e altre necropoli.

Diverse le escursioni organizzate nella zona che consentiranno anche di godere del paesaggio naturalistico collinare e della vallata scoprendone la flora e la fauna.

Ogni angolo di Ferla insomma potrebbe conquistarci ed è per questo che si rivela una meta ideale di vacanza tanto da soli o in coppia, tanto con bambini.

Lettura consigliata

Viaggiare gratis in treno e risparmiare sui biglietti con sconti e offerte

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te