Zona gialla a inizio anno e zona gialla adesso: cosa cambia e cosa non possiamo ancora fare

Siamo già arrivati a fine aprile, ma la situazione epidemiologica non sembra aver fatto grandi passi in avanti. Tra vaccini somministrati ed altri ritirati dal mercato, viviamo ancora in uno stato di incertezza che non ci permette di fare previsioni future. Abbiamo imparato a vivere alla giornata ed è per questo che i maniaci del controllo probabilmente non si danno pace.

Nonostante i problemi e le lentezze a tutti ben note, da due soli giorni gran parte dell’Italia può respirare un po’ di più. Sì, perché tutte le Regioni ad eccezione di Sicilia, Sardegna, Puglia, Basilicata, Calabria e Valle d’Aosta sono entrate finalmente in zona gialla.

Nel corso di quest’anno, il Governo ha cambiato più volte colore alle Regioni in base all’indice Rt e in prossimità delle feste. Vediamo però adesso se le misure da zona gialla di oggi corrispondono a quelle di qualche mese addietro.

Zona gialla a inizio anno e zona gialla adesso: cosa cambia e cosa non possiamo ancora fare

La prima differenza riguarda la possibilità di cenare fuori. Abbiamo ormai appreso, dopo giorni di discussione in Parlamento a cui noi cittadini abbiamo assistito grazie ai Tg, che possiamo cenare al ristorante.

Nota dolente di questo nuovo Decreto Legge in vigore dal 26 aprile al prossimo 15 giugno è certamente il coprifuoco. Se Cenerentola doveva rientrare a casa entro mezzanotte, noi italiani dovremo già varcare la soglia del nostro portone non più tardi delle 22.

Va da sé che non potremo intrattenerci al ristorante oltre le 22 o forse anche prima, dato che bisogna calcolare il tempo per rientrare.

La questione bar

Sarà perché era inverno ed era impensabile mangiare al freddo, ma (forse) la principale differenza con la zona gialla dei mesi scorsi riguarda i bar. Non ci riferiamo agli orari ed alla consumazione al banco, ma ai tavoli all’interno dei locali. Se fino ai primi di marzo ci era concesso consumare al tavolo anche dentro il locale, adesso non è più così. Soltanto chi ha il dehors potrà servire i clienti che desiderano pranzare o cenare comodamente seduti come ai vecchi tempi.

Zona gialla a inizio anno e zona gialla adesso: cosa cambia e cosa non possiamo ancora fare secondo il nuovo Decreto di aprile.

Sperando di tornare alla nostra agognata e quasi dimenticata normalità, nel frattempo rispettiamo le regole e godiamoci le libertà concesse.

Consigliati per te