Wall Street: il futuro è già nei grafici

A Wall Street negli ultimi giorni si continua  a discutere della curva dei rendimenti, ma quale futuro per gi indici azionari?

A cura di Gian Piero Turletti, autore di “Magic Box” e “PLT

Nell’ambito di un trend prevalente al ribasso, ogni tanto gli indici d’oltre oceano esprimono qualche tentativo di rimbalzo, in una logica puramente correttiva.

Wall Street ed il trend di medio lungo termine

Volendo, d’altra parte, allargare lo sguardo verso il medio/lungo termine, molteplici metodi basati su principi diversi, analisi ciclica, macroeconomica, tecnica e di altro tipo, evidenziano la probabile continuazione verso un trend ribassista poliennale.

Ad ulteriore conferma di tale view, possiamo far ricorso a quello che indicano alcuni grafici anticipatori dell’andamento degli indici principali.

Infatti la borsa e l’economia statunitensi non sono fatte solo di grandi capitalizzazioni e di multinazionali, ma anche di piccole e medie aziende che, unitamente al settore immobiliare, spesso anticipano i movimenti poi seguiti dagli indici a maggior flottante.

Wall Street  e focus sul settore immobiliare

In tal senso, può essere utile un duplice confronto.

Tra S & P 500 ed indice dei titoli immobiliari quotato al Nasdaq, e tra S & P 500 e Russell 2000, rappresentativo delle piccole e medie capitalizzazioni.

Ecco il confronto con l’indice del settore immobiliare:

blank

Il grafico, a barre settimanali, ben evidenzia alcuni segnali.

L’indice superiore, a barre blu (rialziste) e grigie (ribassiste), è l’housingsectordi titoli rappresentativi del settore al Nasdaqe, come notiamo, evidenzia talune indicazioni anticipatrici.

L’indice più in basso è lo S & P 500.

Nelle ellissi celesti ho evidenziato i punti di passaggio di due fondamentali trend lines, in rosso quella relativa all’housingsector, in nero quella relativa allo S & P 500.

Notiamo che tale trend line è ancora lungi dall’essere rotta al ribasso, mentre la rottura è già intervenuta sulla retta rossa del settore immobiliare.

Inoltre la retta nera orizzontale indica la linea del collo di un testa e spalle ribassista di ampie dimensioni in via di formazione sullo S & P 500.

Infatti già avevo evidenziato, in un articolo di qualche tempo fa, come le inversioni primarie sui maggiori indici USA siano sempre avvenute in forma distributiva.

Al momento comunque non vi è conferma.

Viene invece, ancora una volta, anticipata dall’housingsector, che durante tutto il periodo distributivo sullo S & P 500, ha invece già manifestato una evidente discesa, sino a rompere il supporto statico, indicato dalla retta orizzontale rotta.

Wall Street e indicazioni di ribasso

Ulteriore indicazione che pare anticipare un ribasso anche sugli altri indici principali.

Veniamo quindi al secondo confronto, tra S & P 500 e Russell 2000.

blank

 

Wall Street e Conclusioni

Il grafico, a barre mensili, evidenzia, ancora una volta, due fondamentali trend lines, rossa sul Russell 2000 e nera sullo S & P 500.

Notiamo che, mentre dopo la rottura della propria trend line, il secondo indice vi si trova ancora a contatto.

Invece sul Russell 2000 il prezzo è già ampiamente ribassato e distaccato dal proprio supporto dinamico.

Inoltre, risulta ancora una volta evidente che mentre sullo S & P 500 è in via di formazioneun testa e spalle ribassista, il Russell 2000 sta già rompendo al ribasso analoga formazione.

Pare quindi che questi indici, Housingsector e Russell 2000, già abbiano descritto il futuro dei mercati, ormai incanalato in un chiaro trend primario ribassista.

Consigliati per te