Vuoi mollare tutto e trasferirti alle Barbados? Ora è possibile

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Sei stanco della vita frenetica della città? Vuoi mollare tutto e trasferirti alle Barbados? Ora è possibile, grazie ai visti per lo smartworking. Il Primo Ministro delle Barbados ha infatti proposto un programma dedicato ai “nomadi digitali”. Se sei curioso di scoprire come fare per lavorare direttamente su una spiaggia caraibica, continua a leggere.

Il programma Welcome Stamp

È molto probabile che, durante l’emergenza Covid, tu sia passato dal lavoro in sede allo smartworking. Ti sarai quindi reso conto che, per lavorare, ti bastano un PC e una connessione Internet. La città o lo Stato in cui ti trovi non hanno alcuna importanza.

Eppure, non è così semplice trasferirsi ovunque nel mondo per lavorare da remoto. Le leggi sul lavoro e sui visti di molti Stati limitano le tue possibilità di scelta. Alcuni Paesi hanno però deciso di provare ad attrarre i cosiddetti “nomadi digitali”. Il motivo è limitare i danni economici inflitti dalla pandemia sul settore del turismo.

Fra questi stati, spiccano le Barbados. Quest’isola caraibica ha infatti lanciato un programma chiamato  “Barbados Welcome Stamp”. Lo schema permette di ottenere un visto di 12 mesi per lavorare da remoto. Ecco tutto ciò che c’è da sapere:

a) si può fare comodamente domanda sul portale dedicato;

b) basta essere cittadini di uno Stato diverso dalle Barbados e dipendenti di un’azienda che non operi nelle Barbados;

c) si può fare domanda come individuo, o come famiglia;

d) il processo di approvazione dovrebbe durare cinque giorni lavorativi, o meno;

e) il visto ha un costo di 2.000 dollari per gli individui, 3.000 per le famiglie.

Non solo i Caraibi

E se non volessi scegliere proprio le Barbados? Nessun problema, ci sono delle alternative.

Una proposta arriva anche dall’Estonia, già soprannominata e-Estonia per la capacità di favorire le professioni digitali. Il Paese ha lanciato il “Digital Nomad Visa”, anch’esso dedicato a freelancer o dipendenti di aziende non estoni. Per far domanda occorre però dimostrare un reddito mensile di almeno 3.504 euro lordi. Bisogna compilare un modulo online, poi prendere appuntamento all’Ambasciata o al Consolato per completare il processo.

Infine, visti simili si possono ottenere anche per trasferirsi in Georgia o alle Bermuda. Altri paesi stanno valutando la possibilità di adottare queste soluzioni. In particolare, la Croazia ha annunciato che presto lancerà il proprio “Digital Nomad Visa”.

Insomma, se vuoi mollare tutto e trasferirti alle Barbados, ora è possibile. Non ti resta che fare le valigie! Se hai figli, ricordati però di stare al passo su cosa cambia da settembre per lo smartworking.

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Consigliati per te