Vuoi il reddito di cittadinanza? Allora devi scaricare obbligatoriamente la App

A circa un anno e mezzo dall’introduzione del reddito di cittadinanza, i nodi cominciano a venire al pettine. Il Presidente del Consiglio ha avvisato che se non verranno introdotte modifiche migliorative per il sussidio grillino, la misura resterà meramente uno strumento assistenziale. In molti casi quasi un deterrente all’occupazione.

Attualmente, su quasi tre milioni di beneficiari, solo duecentomila hanno sottoscritto un contratto. Quanto ai lavori di pubblica utilità, su ottomila comuni solo in quattrocento hanno approvato i regolamenti.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 70% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

L’obiettivo del reddito di cittadinanza doveva risolversi nel contrasto alle dimensioni della povertà assoluta in Italia. Come? Attraverso un sistema funzionante di inserimento/reinserimento lavorativo. Pare però che il sussidio abbia sollecitato ulteriormente la naturale la propensione dei beneficiari ad utilizzare in modo opportunistico le risorse.

Vuoi il reddito di cittadinanza? Allora devi scaricare obbligatoriamente la App

Dopo aver preso di mira la Quota 100, Conte si concentra dunque sul reddito di cittadinanza.

Il premier vorrebbe rendere operativa entro i prossimi sei mesi una struttura informatica nazionale.

Da tale struttura dovrebbe poi nascere un’App con l’obiettivo di favorire realmente l’incontro tra domanda e offerta nel mondo del lavoro. In altre parole, lo scopo è fare in modo che un’azienda che cerca un lavoratore specializzato sappia dove trovarlo, in qualsiasi parte d’Italia si trovi, e che, allo stesso tempo il lavoratore sappia che un’azienda sta cercando qualcuno con la sua qualifica.

Al fine di favorire l’iscrizione delle imprese a questo sistema, potrebbero rendersi necessari incentivi fiscali.

La struttura informatica, e quindi successivamente l’App, saranno responsabilità di una task force guidata dalla ministra dell’Innovazione, Paola Pisano.

La piattaforma di mismatching, così come è stata indicata, dovrà essere realizzata in sei mesi. Grazie all’App sarà possibile inoltre individuare con estrema facilità chi rifiuta il lavoro e inibire i furbetti del reddito di cittadinanza.

Vuoi il reddito di cittadinanza? Allora devi scaricare obbligatoriamente la App

Cambiano le carte in tavola. Dal corretto funzionamento dell’App dipende il futuro del sussidio, che potrebbe essere sospeso se ancora  inefficiente.

Consigliati per te