Vizi occulti e vendita di un’auto usata, come tutelarsi

Acquistare un’auto usata è sempre un’incognita. Anche una vettura che appare perfetta può infatti celare piccoli o grandi difetti che possono creare grossi grattacapi. La manutenzione infatti costa e chi compra una macchina di seconda mano spesso lo fa perché il budget a disposizione non è elevato. In questo articolo ci occuperemo proprio di vizi occulti e vendita di un’auto usata, come tutelarsi prima e dopo l’acquisto. Dobbiamo premettere che la normativa tutela l’acquirente da possibili brutte sorprese. Gli articoli 1490 e successivi infatti stabiliscono alcuni diritti per chi acquista un bene come un’auto usata. Il venditore, infatti, deve garantire che l’auto sia idonea all’uso oppure spiegare dettagliatamente i vizi a lui noti.

Non sono quindi validi patti che escludono la garanzia a meno che il compratore non fosse a conoscenza del vizio. Se quest’ultimo venisse a sapere solo a contratto concluso di eventuali difetti potrà infatti rescindere il contratto.

La risoluzione del contratto

Abbiamo visto che in caso di vizi occulti e vendita di un’auto usata, come tutelarsi ce lo dice la legge. L’acquirente dovrà però agire in maniera tempestiva. L’articolo 1495 del Codice Civile, prevede che la denuncia avvenga entro due mesi dalla scoperta del vizio, tramite lettera raccomandata.  L’articolo 132 del D. Lgs 206/2005 indica in due anni la garanzia che un venditore professionale deve rilasciare all’acquirente. Qualora quest’ultimo si accorgesse di un difetto invierà quindi una raccomandata chiedendo l‘attivazione della garanzia legale.

La comunicazione deve indicare chiaramente la natura della contestazione, nonché contenere alcune fotografie per maggior chiarezza nella descrizione. L’acquirente potrà decidere di portare l’auto per la riparazione presso un’officina di sua fiducia. In questo caso dovrà allegare alla raccomandata anche un preventivo di quest’ultimo. Dobbiamo specificare che, ai sensi dell’articolo 1490 del codice civile, in caso di mancato rispetto della garanzia, si adiranno le vie legali.

Vizi occulti e vendita di un’auto usata, come tutelarsi

Il Codice del Consumo specifica chiaramente diritti e doveri delle parti. In particolare, l’articolo 130 stabilisce che il venditore è responsabile per i difetti di conformità emersi entro due anni dalla compravendita. Se i difetti si manifestano entro sei mesi dalla consegna, il Codice presume che il problema esistesse già alla data del contratto. L’acquirente dovrà cautelarsi inviando entro due mesi dalla scoperta la lettera raccomandata al venditore per richiedere l’attivazione della garanzia. Il mancato rispetto di queste tempistiche comporta la decadenza del diritto.

A meno che il venditore non abbia riconosciuto il problema. Insomma, per i consumatori la legge prevede una serie di tutele. La più importante è la garanzia biennale che copre i beni usati acquistati da un professionista. Come nel caso di una concessionaria auto. Prima di procedere all’acquisto però, c’è un modo per ottenere importanti informazioni sulla storia della vettura che ci interessa. Ne abbiamo parlato in un recente articolo.

Consigliati per te