Vino di ananas, come preparare la bevanda prediletta dai pirati

Presso i popoli dell’America Centrale, l’ananas era considerato il re dei frutti. Ai pirati, nello specifico, piaceva così tanto che pur di non buttarne neanche uno, prima che si guastassero ci preparavano una bevanda zuccherina. Si tratta del vino di ananas.

Vino di ananas, come preparare la bevanda prediletta dai pirati

Il vino di ananas ritorna in molte testimonianze dei bucanieri, sempre accompagnato da superlativi entusiastici. Dolce, saporito: Richard Ligon, quando lo scoprì a Barbados nel 1648, lo definisce il miglior beveraggio di tutti i Caraibi.

Anche Padre Labat lo esalta: bel colore, buon profumo e sapore delizioso, dirà nelle sue memorie. Aggiunge però qualche avvertimento. In primis, di consumarlo tutto appena pronto, perché se conservato troppo a lungo diventa più acido dell’aceto e provoca forti mal di pancia. Inoltre, consiglia di non berne troppo, perché, oltre a essere molto alcolico, conserva in parte le proprietà corrosive dell’ananas.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 50% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

Ad ogni modo, tenendo conto di questi pochi ma fondamentali avvertimenti, vediamo come preparare il nostro vino di ananas.

Gli ingredienti

Per preparare la bevanda preferita dai pirati servono pochi ingredienti e un po’ di pazienza (visto che deve essere lasciato fermentare). Nello specifico abbiamo bisogno di:

a) un ananas;

b) un litro e mezzo d’acqua;

c) 500 grammi di zucchero;

d) 3 centimetri di radice di zenzero.

Preparazione

Per prima cosa sbucciamo l’ananas e tagliamolo in pezzetti piccoli (più piccoli che riusciamo). Dopodiché, versiamo l’acqua in una ciotola con l’ananas tagliato, in modo da ricoprire ogni pezzo. Aggiungiamo anche la radice di zenzero.

Copriamo il recipiente e lasciamo macerare almeno per la notte. Il mattino seguente filtriamo il liquido e aggiungiamo lo zucchero mescolando energicamente la soluzione così da scioglierlo il più possibile.

Versiamo il tutto in una bottiglia (preferibilmente di vetro) con chiusura ermetica e lasciamolo per una settimana a temperatura ambiente. Il settimo giorno possiamo gustare il nostro vino d’ananas, alla salute dei bucanieri.

Abbiamo scoperto, dunque, il vino di ananas: come preparare la bevanda prediletta dai pirati.

Consigliati per te