Venti di guerra e battaglia fra orsi e tori Intervista a Gian Piero Turletti

VENTI DI GUERRA E BATTAGLIA TRA ORSI E TORI

Intervista a Gian Piero Turletti

Autore Magic box in 7 passi

Cosa sta succedendo negli scenari internazionali?

L’abbattimento dell’areo russo, da parte della Turchia, può portare nuovi venti di guerra?

Va preliminarmente ricordato che incidenti, lungo il confine tra Siria e Turchia, sono abbastanza frequenti.

Ora il potenziale conflitto con la Russia è a livello diplomatico, anche se la Turchia ha richiesto una riunione Nato che, non dimentichiamolo, si basa su un trattato che considera il territorio di ogni singolo stato membro come parte integrante anche del territorio degli altri alleati.

Ne consegue che un attacco ad un singolo paese è considerato attacco anche nei confronti degli alleati.

Evidentemente, la Turchia ha interesse a pressioni diplomatiche e militari, per evitare che la parte del territorio siriano, situato in prossimità dei propri confini, venga assoggettata ad una limitazione delle operazioni militari.

La situazione è sicuramente calda, sul fronte internazionale, ma questo evento non darà luogo ad una guerra.

Semmai il confronto sul piano militare è tra russi sostenitori degli Asad, e alleanza occidentale nel suo complesso.

Ed i mercati? Quale la loro reazione?

I mercati azionari, anche a prescindere da questi eventi, stanno esprimendo una sorta di guerra tra orsi e tori, in cui alcuni indici si schierano dalla parte dei tori, ed altri parteggiano soprattutto per gli orsi.

In particolare, il Ftse mib ha invano tentato un superamento delle resistenze delineate dal metodo Magic box, ma, come ben sanno coloro che possiedono il metodo, arrivati su determinati livelli, si scatena sempre o quasi una battaglia tra orsi e tori, spesso con continui capovolgimenti di fronte, a prescindere da quel che succede sulla scena internazionale o da un punto di vista economico.

E’ come se, giunti su determinati livelli, una vibrazione scuotesse le quotazioni e facesse loro perdere l’equilibrio che stavano raggiungendo.

Sul fronte opposto troviamo, invece, lo S & P 500, che ha chiuso la seduta di ieri con una barra daily rialzista.

E per quanto riguarda Dax ed Eurostoxx?

Esprimono una situazione ancora diversa, in quanto, pur inseriti, come l’indice statunitense, in un trend rialzista di medio, hanno ieri espresso dinamiche ribassiste, il Dax violando peraltro la mediana del canale stesso.

Quali i livelli da monitorare?

Indico, di seguito, livelli dinamici, che quindi variano di giorno in giorno, precisando quelli valevoli per la seduta di oggi.

Ftse mib: è tuttora inserito in un trend ribassista, la cui resistenza dinamica oggi transita a 22170.

Dax: inserito in un trend rialzista di medio, con passaggio odierno del supporto dinamico a 10384.

Eurostoxx: situazione analoga a quella dell’indice tedesco, con passaggio del supporto dinamico a 3318.

S & P 500: trend rialzista di medio con supporto dinamico a 2039.

 

 

 

I risultati delle previsioni presenti in questo articolo si basano su calcoli statistici spiegati negli ebook pubblicati da ProiezionidiBorsa ed elaborati sulla base dello storico dei prezzi a disposizione. (Ricordiamo, inoltre, di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te