Velocissima guida pratica per sfornare una torta perfetta, ecco cosa non sottovalutare mai

Difficile resistere ad una gustosa fetta di soffice torta fatta in casa.
Una delle delizie del palato più golose e soddisfacenti da realizzare coinvolgendo anche i più piccini di casa che saranno sicuramente felicissimi di mettere “le mani in pasta”.

Scegliere la ricetta da realizzare è sicuramente il primo passo ma di certo non è l’unico aspetto da tenere in mente per una torta perfetta.
La qualità degli ingredienti, ad esempio, non deve essere mai sottovalutata per garantire un risultato finale soddisfacente.
Rispettare rigorosamente tutte le fasi del procedimento, poi, senz’altro aiuterà a creare una vera e propria prelibatezza.
Tuttavia, tutti questi passaggi da soli non bastano a garantire un risultato mozzafiato anche se eseguiti con impeccabile impegno.

La cottura influisce quasi all’80% sulla riuscita finale del dolce. Per questo motivo la temperatura, il forno ma anche gli stampi in cui la creazione cuocerà dovranno essere selezionati con cura.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Oil Free Fryer, la vera friggitrice ad aria

Scopri il prezzo lancio

Friggitrice Fryer

Velocissima guida pratica per sfornare una torta perfetta, ecco cosa non sottovalutare mai

In questo breve spazio, la Redazione vuole ricordare ai suoi Lettori qualche piccolo segreto per scegliere la tortiera giusta e realizzare una torta perfetta.

Le teglie utilizzate per cuocere una torta al forno sono di molteplici tipologie.
In commercio, è possibile trovare tortiere in acciaio, in alluminio, in vetro ma anche in ceramica o in silicone e chi più ne ha, più ne metta.

Dunque, quali sono le migliori e quali scegliere per una preparazione sublime?

Innanzitutto, la scelta dello stampo deve avvenire pensando alla necessità di soddisfare la preparazione stessa, ovvero scegliere la ricetta.
Una volta stabilito questo punto, sarà più semplice mettere a paragone i materiali. Di seguito, tre tipologie di stampi a confronto.

Gli stampi in alluminio, per esempio, garantiscono una cottura omogenea ma bisognerà ungerli con olio o burro o ricoprirli di carta da forno prima di versare il composto al suo interno. Un passaggio obbligatorio per evitare che la torta si attacchi allo stampo.
Molti chef consigliano questa tipologia di stampo per torte compatte ma anche per crostate e plumcake.

Gli stampi in silicone sono amici veri di preparazioni veloci. Il materiale si piega con la pressione delle mani e la torta scivola senza rompersi. Possono adattarsi al caldo del forno o al freddo del freezer. Inoltre, si puliscono in men che non si dica.
Tuttavia, dopo molti utilizzi, gli stampi in silicone tendono ad assorbire gli odori delle pietanze preparate al suo interno.
Diversi sono gli esperti che si lamentano di una cottura non sempre omogenea. In ogni caso, gli stampi in silicone sono ideali per torte molto morbide, budini e per dolci cosiddetti al cucchiaio.

Infine, gli stampi antiaderenti a “cerniera” restano i più gettonati per torte classiche e ciambelle. Unica annotazione, non lasciare il dolce nello stampo troppe ore dopo la cottura per evitare che il materiale rovini il sapore della torta. Altro consiglio è quello di lavare a mano lo stampo e asciugarlo per bene per evitare la comparsa di ruggine.

Se “Velocissima guida pratica per sfornare una torta perfetta, ecco cosa non sottovalutare mai” è stato utile ai Lettori, si consiglia anche “Ecco una torta talmente facile e veloce che esce dal forno già farcita, ottima per chi ha poco tempo”.

Consigliati per te