Valutare la situazione economica di un paese: i dati macroeconomici sono affidabili?

Nel percorso che porta a valutare la situazione economica di un paese, i dati economici svolgono un ruolo determinante.

In questo senso è corretto interrogarsi sulla loro piena affidabilità. Affidabilità e credibilità che va stabilita a due livelli.

Il primo è quello del peso specifico da attribuire a ciascun dato e di questo ne parlammo tempo fa.

Il valore intrinseco di dati emotivi come la fiducia e il sentiment è certamente inferiore a quello di dati oggettivi come PIL, occupazione, consumi e produzione.

Anche se talvolta sui mercati finanziari pure i dati emotivi fanno scattare movimenti importanti.

Ma occupiamoci del secondo e più “oscuro” livello, fondamentale per come valutare la situazione economica di un paese.

Dati macro: i numeri pubblicati sono credibili?

Spesso abbiamo messo in discussione i rating e i consigli di investimento delle agenzie e delle case di investimento.

Ma sui numeri dei dati macroeconomici calcolati dagli istituti di statistica vogliamo pensare che si lavori in modo esclusivamente matematico e che pertanto ogni dato pubblicato segua una logica stringente e regole ferree nella sua determinazione.

Quindi dato per buono questo assunto di affidabilità, in apparenza nessun problema. In realtà meccanismi di alterazione nella lettura dei dati esistono, vediamoli.

Un vedo e non vedo poco chiaro sui dati macroeconomici

Nel valutare la situazione economica di un paese in base a dati macro un elemento importante è la continuità. La frequenza regolare.

Ebbene capita spesso che dati sensibili vengano improvvisamente tolti dal tabellone fissato per la giornata… chissà perché?

Oppure capita che un certo tipo di dato, gemello di un altro scompaia per periodi prolungati.

Un esempio?

Be’ ce l’abbiamo proprio oggi.

Per anni la bilancia commerciale italiana è stata pubblicata sia come dato UE che come dato extra UE.

Nei mesi scorsi abbiamo con oggettività, noi, come altri osservatori, fatto notare come fosse positivo il dato extra UE e negativo quello UE.

Siamo in era di anti-sovranismo… et voilà il dato della bilancia commerciale con i paesi UE non viene più pubblicato.

Mentre quello extra UE , seppur in calo rispetto a un mese fa vede regolarmente la luce del tabellone di giornata…

Saldo della bilancia commerciale italiana non-UE (Set) 1,53B 2,33B

Strano no?

Spiace dovere entrare in questi meccanismi che potrebbero apparire eccessivi, ma sarebbe anche carino che qualcuno si prendesse la briga di spiegare il perché di queste improvvise obliterazioni di dati importanti.

Trova il tuo broker

Tickmill
Fisher Investments
Ava Trade

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.