Vacanza low cost nel borgo artistico dalle tradizioni millenarie e paesaggi indimenticabili

Ormai sempre più persone preferiscono viaggiare in questo momento dell’anno per tutta una serie di ragioni perfettamente sensate. Prima di tutto in questo modo si evita l’alta stagione della stragrande maggioranza delle destinazioni. Ciò vuol dire che possiamo dimenticarci le frotte di turisti e i prezzi esorbitanti. Infatti se vogliamo risparmiare sul portafoglio, questo è sicuramente uno dei periodi migliori. Non solo, ma il clima è anche abbastanza mite da poter ancora spendere il tempo all’aperto. Senza contare che l’autunno offre uno spettacolo davvero unico, il foliage. Sono tanti che ne vanno alla ricerca e ci sono anche diverse destinazioni italiane che lo offrono facendo sognare i loro visitatori.

Queste sono alcune delle regioni per cui dovremmo fare una vacanza low cost nel borgo artistico dalle tradizioni millenarie e paesaggi indimenticabili. Dopo tutto, non è un mistero che il nostro Paese abbia da offrire un forziere inestimabile di gioielli quando si tratta di borghi. Questo però ha un fascino tutto suo, segnato dalla storia antica e recente che lo rende assolutamente unico.

Vacanza low cost nel borgo artistico dalle tradizioni millenarie e paesaggi indimenticabili

In realtà, per chi conosce anche solo un poco l’entroterra sardo questo borgo non ha bisogno di presentazioni. Si tratta di Orgosolo, in Sardegna, un paese noto inizialmente per la presenza dei banditi e che oggi si riscopre paese museo. Con ciò non si intende che a Orgosolo si possono trovare tanti musei, anche se ce ne sono di interessanti e interattivi, come quello del pane. No, è Orgosolo stesso il museo. Tra le vie in acciottolato, infatti, si possono ammirare decine e decine di murales, dipinti sui muri delle case. Questi raccontano storie intime del passato del paese, ma anche tradizioni sarde ed eventi di tutto il Mondo. Infatti, affianco ai murales delle donne che portano l’acqua, troviamo l’attacco alle torri gemelle. Una contrapposizione interessante che è dovuta alla sensibilità del paese per le questioni sociali. Possiamo esplorarla a fondo grazie all’audioguida disponibile all’info point o alle guide locali.

Quindi, grazie ai murales, Orgosolo si è riscoperta meta turistica e porta su un mondo ancora nascosto che è la Barbagia, la regione storica più selvaggia dell’isola.

Da qui infatti si può partire alla scoperta di attrazioni naturalistiche di importanza mondiale. Pensiamo ad esempio al Canyon di Gorroppu, uno dei più profondi d’Europa. Ci sono  mete facilmente raggiungibili anche da chi non si sente un grande camminatore. Pensiamo ad esempio alla valle di Lanaitho, a Monte Novo San Giovanni e  alle montagne del Gennargentu santuario dei mufloni. Possiamo anche dedicarci semplicemente a una vacanza interamente culturale, con i monti calcarei come sfondo. Ad esempio, possiamo visitare il vicino paese di Mamoiada, famoso in tutto il Mondo per le maschere tradizionali dei Mamuthones. Qui possiamo visitarne il museo e i tanti artigiani che le producono. Non solo, ma questa zona e anche molto conosciuta per l’ottimo vino Cannonau.

Come raggiungere Orgosolo

Nonostante i monti sardi ne custodiscono ancora il segreto, arrivare a Orgosolo non è affatto difficile. Possiamo atterrare o attraccare a Olbia ed essere in paese in un’ora e mezza di macchina. L’auto possiamo comodamente noleggiarla una volta arrivati, approfittando dei prezzi concorrenziali della bassa stagione.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te