Una notizia negativa paradossalmente aiuta le Borse e Wall Street mentre a Piazza Affari schizzano questi titoli

Wall Street ritrova un po’ di grinta e le Borse europee ne approfittano per chiudere in rialzo la penultima seduta della settimana. Anche la Borsa di Milano ha avuto una seduta positiva grazie al recupero di alcune azioni che nei giorni precedenti erano state fortemente penalizzate. Oggi una notizia negativa paradossalmente aiuta le Borse e Wall Street mentre a Piazza Affari schizzano questi titoli, soprattutto legati all’energia.

Il Nasdaq si allontana dalla zona di pericolo

I mercati azionari stamani hanno avuto un avvio incerto, influenzato dall’ennesima seduta negativa della Borsa di Wall Street. Ieri i tre indici maggiori della Borsa statunitense hanno chiuso con un calo attorno all’1% dopo una giornata sofferta. In particolare l’indice Nasdaq ieri ha terminato in ribasso di quasi l’1,2%, avvicinandosi pericolosamente alla soglia dei 14.200 punti. Da qualche seduta tutti gli occhi sono puntati su questo indice che potrebbe decidere delle sorti di Piazza Affari e delle Borse europee.

Tuttavia il calo del Nasdaq e degli altri indici, non ha influito negativamente sulla chiusura delle Borse del Giappone e di quelle cinesi. I principali mercati azionari di Cina e Giappone hanno finito la seduta con rialzi superiori all’1%. L’apertura delle Borse in Europa è stata prudente. Nelle prime due ore di contrattazione i prezzi dei listini si sono mantenuti vicino alla parità, poi hanno progressivamente preso coraggio e forza.

Al termine delle contrattazioni in Europa, l’indice Euro Stoxx 50 e la Borsa tedesca hanno chiuso con un rialzo dello 0,7%. La Borsa francese si deve accontentare di un rialzo dello 0,3%, invece Londra ha chiuso in territorio negativo con un calo inferiore allo 0,1%. Tutti i listini hanno terminato sui massimi della giornata grazie alla apertura positiva di Wall Street. Al momento della chiusura dei listini in Europa, i tre maggiori indici del mercato statunitense erano in rialzo di oltre l’1%.

Una notizia negativa paradossalmente aiuta le Borse e Wall Street mentre a Piazza Affari schizzano questi titoli

Paradossalmente, una notizia negativa riguardo le richieste di sussidi settimanali di disoccupazione in USA potrebbe aver favorito il rimbalzo dei listini USA. Come ogni giovedì, anche oggi alle 14:30 ora di Roma le agenzie hanno battuto un dato molto atteso dal mercato. La settimana scorsa le richieste di sussidi settimanali di disoccupazione in USA sono salite, significa che il mercato del lavoro ha prodotto meno occupati. Un rallentamento nella crescita dei posti di lavoro potrebbe convincere la FED a non alzare i tassi a marzo. Ecco perché questa notizia potrebbe avere favorito il rimbalzo della Borsa USA e la chiusura positiva dei listini UE.

In realtà, anche una serie di trimestrali sopra le attese hanno influenzato positivamente l’avvio di Wall Street.

L’indice Ftse Mib (INDEX:FTSEMIB) della Borsa di Milano si è accodato alle altre Borse ed ha chiuso in rialzo dello 0,7%. I prezzi hanno terminato a 27.570 punti. I tre migliori titoli tra le blue chips sono stati Telecom, Enel e A2A. Per Telecom l’opa di KRR si allontana e torna in voga l’ipotesi di una fusione con Open Fiber, che non dispiace al mercato. Enel, A2A e le altre utility sono salite perché si allontana l’ipotesi che il Governo metta una tassa sugli extra profitti delle società dell’energia.

Approfondimento

Il punto sui mercati

I risultati delle previsioni presenti in questo articolo si basano su calcoli statistici spiegati negli ebook pubblicati da ProiezionidiBorsa ed elaborati sulla base dello storico dei prezzi a disposizione. (Ricordiamo, inoltre, di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te