Una fantastica notizia per tutti gli stipendi di maggio che saranno finalmente più alti grazie a questa incredibile coincidenza che premia i lavoratori

Diciamo che ci abbiamo preso un po’ il gusto. Gli ultimi due fine settimana, infatti, sono stati a favore dei lavoratori che, grazie al calendario, hanno avuto delle belle notizie. Nel senso che hanno potuto fare dei weekend più lunghi, ovvero di tre giorni. Nel fine settimana di Pasqua, ad esempio, che cadeva il 16 e 17 aprile, abbiamo potuto aggiungere anche il lunedì di Pasquetta. Infatti, molti italiani hanno approfittato del ponte pasquale per andare a fare la classica gita fuori porta in luoghi originali.

Stesso discorso una settimana dopo. Quest’anno, infatti, il 25 aprile è caduto di lunedì e, anche in questa occasione, con un weekend lungo dal 23 al 25, ci siamo spostati. Visitando anche luoghi adatti per tutta la famiglia e divertenti.

Anche se il fine settimana non sarà come i precedenti, c’è una bella notizia per chi lavora

Ora, come detto, ci abbiamo preso gusto e, magari, abbiamo controllato, speranzosi, il calendario anche di questa settimana. Solo che, stavolta, un po’ di delusione è arrivata. Infatti, la Festa dei lavoratori, in programma il 1° maggio, in questo 2022 cadrà, purtroppo, di domenica, ovvero domani. In sostanza, niente weekend lungo visto che già, alla domenica, la maggior parte di chi lavora è a casa in riposo.

Prima di disperarsi, però, per il giorno di riposo extra perso, val la pena sottolineare una fantastica notizia per tutti gli stipendi di maggio. Che, certamente, farà piacere a chi lavora. In particolare, considerando che gli stipendi, a differenza dei prezzi al consumo, non aumentano. Anzi, spesso, obbligano i poveri lavoratori, ma anche i pensionati, a cercarsi attività per arrotondare da casa.

Una fantastica notizia per tutti gli stipendi di maggio che saranno finalmente più alti grazie a questa incredibile coincidenza che premia i lavoratori

Cosa succede, infatti? Che questo 1° maggio, coincidendo con la domenica ed essendo una festività, verrà considerato come “festività non goduta”. A parte Pasqua, infatti, se una festività coincide, a seconda del calendario, con il riposo domenicale, allora deve essere pagata al dipendente. In pratica, il lavoratore se la ritroverà in busta paga come se l’avesse lavorata. Praticamente, nella busta paga di solito, se lavoriamo su cinque giorni settimanali, ce ne pagano 22. Se lavoriamo su sei giorni, ce ne pagano 26. In questo caso, i giorni lavorativi retribuiti saliranno, a maggio, a seconda dei casi, a 23 e 27.

E ogni lavoratore si ritroverà, di conseguenza, una busta paga più alta, in base al suo livello, essendo pari alla paga di un giorno lavorativo. E se uno dovesse lavorare il 1° maggio? Avrà diritto a una maggiorazione che comprenda non solo il lavoro domenicale, ma anche quello festivo. Insomma, ogni tanto, si può anche rinunciare ad un giorno in più di riposo extra.

Lettura consigliata

Brutte notizie per chi ha la pensione INPS accreditata sul conto corrente ma anche chi ha lo stipendio dovrebbe preoccuparsi di questa situazione

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te