Un titolo sopravvalutato, ma in crescita. Fin dove?

Azimut è un titolo sopravvalutato, ma vista la crescita prevista potrebbe essere comunque un’ottima occasione di acquisto?

Nei prossimi paragrafi andremo ad analizzare tutti gli aspetti che ci permetteranno di dare una risposta a questa domanda.

Il giudizio degli analisti

Nonostante il prezzo obiettivo medio del titolo da inizio anno sia salito di oltre il 20%, Azimut risulta essere sopravvalutata di circa il 10%. Il motivo è l’eccezionale rialzo che ha caratterizzato le quotazioni in questo primo quadrimestre del 2019. Le quotazioni, infatti, sono salite di circa il 90%. Delle potenzialità del titolo avevamo già parlato in articolo scritto a fine 2018 (Azimut da Cenerentola a regina nel 2019?)

L’aspetto ancora più negativo, oltre la sopravvalutazione, è che anche considerando lo scenario più ottimistico i margini al rialzo per il titolo sono molto ridotti, poco meno del 10%. Nello scenario più pessimistico, invece, la sopravvalutazione risulta essere del 44%.

Mean consensus HOLD
Number of Analysts 12
Average target price 16,1 €
Last Close Price 17,8 €
Spread / Highest target 9,8%
Spread / Average Target -9,3%
Spread / Lowest Target -44%

Il titolo va comprato anche se sottovalutato?

AZM opera con un rapporto prezzo/utile (PE) di 19,7  il che suggerisce che Azimut è sopravvalutata sulla base degli utili correnti rispetto alla media dell’industria dei mercati dei capitali di 18,0 e sopravvalutata rispetto alla media del mercato italiano di 16,4.

Per capire se trattasi di vera sopravvalutazione, in questi casi si va a guardare il PEG. Bisogna cioè incorporare la crescita degli utili nella valutazione. Il rapporto PEG è un ottimo calcolo per tenere conto della crescita nella valutazione del titolo. Un rapporto PE pari a 19,7 e una crescita degli utili attesa del 15,6% rispetto all’anno precedente danno ad Azimut un rapporto PEG 1,3. Sulla base di questa crescita, il titolo Azimut può essere considerato anche sopravvalutato, sulla base dei fondamentali. Un PEG ragionevole, infatti, si pone nell’intervallo 0,8-1.0.

Conclusione

Allo stato attuale guardando i fondamentali e il giudizio degli analisti, Azimut è un titolo da evitare. Cosa ci dice, però, l’analisi tecnica?

Un titolo sopravvalutato: analisi tecnica e previsionale sul titolo Azimut

Azimut (AZM)  ha chiuso la seduta del 3 maggio in ribasso dell’1,03% rispetto alla seduta precedente a quota 17,765€.

Sul titolo è in corso una proiezione rialzista che non ha ancora raggiunto il suo I° obiettivo di prezzo in area 18,7766€ anche se non ci sono più ostacoli lungo il cammino che porta verso questo obiettivo. Alla rottura in chiusura di giornata di area 17,111€, Azimut spiccherebbe il volo verso il II° obiettivo di prezzo in area 23,1513€.

Solo una chiusura giornaliera inferiore a 16,0674€ metterebbe in discussione il rialzo in corso.

Azimut: proiezione rialzista in corso sul time frame giornaliero. La linea blu rappresenta i livelli di Running Bisector; la linea rossa i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione.

Azimut: proiezione rialzista in corso sul time frame giornaliero. La linea blu rappresenta i livelli di Running Bisector; la linea rossa i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione.

Un titolo sopravvalutato, ma in crescita. Fin dove? ultima modifica: 2019-05-05T09:36:31+02:00 da Redazione

Trova il tuo broker

Tickmill
Fisher Investments
Ava Trade

Consigliati per te

Le Fonti TV
Le Fonti TV

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.