Un titolo famosissimo, che ha guadagnato il 230% dall’esordio e che promette di correre ancora

Sono pochissimi i titoli azionari italiani a larga capitalizzazione, che hanno recuperato le perdite accusate dalla emergenza pandemia. Tra questi c’è quello di un’azienda che è eccellenza italiana nel mondo. Non solo il titolo che ha recuperato tutto il terreno perduto, ma è vicino al massimo storico fatto segnare poco prima dello scoppio dell’emergenza. Ecco l’analisi dell’Ufficio Studi di ProiezionidiBorsa, di un titolo famosissimo, che ha guadagnato il 230% dall’esordio e che promette di correre ancora.

Un titolo famosissimo, che ha guadagnato il 230% dall’esordio e che promette di correre ancora

A Piazza Affari sono pochi i titoli delle blue chip che hanno recuperato la perdita di valore subita a causa dell’emergenza Covid. Tra questi c’è Ferrari (MIL-RACE). Il titolo è ritornato ai valori del 10 febbraio, due settimane prima che i mercati iniziassero a crollare.

Dai minimi fatti segnare a metà marzo, a oggi, l’azione ha guadagnato poco più del 40%. Non è un gran recupero rispetto a titoli che hanno riguadagnato percentuali ben maggiori. Ma non lo è per un semplice motivo, perché il calo non è stato profondo come per la maggior parte di titoli. L’azione Ferrari non ha perduto molto nelle due terribili settimane di marzo e quindi aveva molto meno terreno da recuperare.

Un titolo che regge bene ai ribassi dei prezzi

Questo dato dimostra come il titolo del Cavallino sia in qualche modo difensivo, ovvero regga molto bene a cali del mercato. E contemporaneamente abbia una progressione nei prezzi lineare e costante. Caratteristiche che ne fa uno dei titoli preferiti degli investitori professionali.

L’azione ha esordito in Borsa a Milano a gennaio del 2016 a 46 euro circa.  Ha chiuso la prima settimana di agosto 2020, a 158 euro, più che triplicando, quindi, il suo valore dall’esordio. Ma a metà febbraio i prezzi avevano raggiunto i 170 euro. Se non fosse arrivato il crollo dei mercati, tutto lasciava pensare a una corsa verso i 200 euro.

Corsa che Ferrari potrebbe realizzare nelle prossime settimane. La trimestrale è stata apprezzata dai mercati, con un bel rialzo del titolo di oltre il 3%. Una trimestrale con dati negativi e ricavi in calo di oltre il 40%, a causa di una diminuzione del 50% delle auto consegnate. Ma sono dati superiori alle attese. Il mercato stima che la perdita sia stata comunque inferiore alle aspettative e che il recupero ci sarà già dal terzo trimestre dell’anno.

I livelli da monitorare

Dalla sua quotazione a oggi Ferrari ha guadagnato oltre il 230%. I prezzi sono inseriti in un ampio canale rialzista, come si può vedere bene dal grafico. Finché i prezzi si manterranno all’interno di questo canale ascendente, continueranno a salire.

In particolare, un nuovo impulso si avrà con una chiusura settimanale sopra 160 euro (possibile entro questa settimana). Questo spingerà i prezzi verso il bordo superiore del canale, in area 175/180 euro. Di contro, una discesa dei prezzi sotto la soglia dei 145 euro, riporterà l’azione verso i 130 euro.

blank

Grafico settimanale del titolo Ferrari dall’esordio alla prima settimana di agosto 2020

Per saperne di più

Vuoi scoprire quale titolo ha avuto una performance del 230% annuo negli ultimi 19 anni? Scoprilo qui.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te