Un titolo da evitare per i cassettisti: Poste Italiane

Sembra un paradosso, ma allo stato attuale un titolo da evitare per i cassettisti è Poste Italiane. Nel prosieguo di questo articolo mostriamo gli elementi a supporto di questa ipotesi.

Il giudizio degli analisti

Da inizio 2019 gli undici analisti che si occupano di Poste Italiane hanno alzato il target price medio da 7,8€ a 9,2€, con un rialzo di circa il 20%. Questo ottimismo ha trovato riscontro nelle quotazioni che hanno praticamente raggiunto il prezzo obiettivo medio. Allo stato attuale, infatti, i margini per una salita del titolo sono molto limitati, circa 2,6%. Nel caso della previsione più ottimistica i margini al rialzo sono del 20%, mentre nello scenario più pessimistico il titolo risulta essere sopravvalutato del 22%.

Mean consensus OUTPERFORM
Number of Analysts 11
Average target price 9,24 €
Last Close Price 9,01 €
Spread / Highest target 20%
Spread / Average Target 2,6%
Spread / Lowest Target -22%

Le previsioni future per gli utili di Poste Italiane

Le prospettive di consenso degli analisti di mercato per il prossimo anno sembrano pessimistiche, con una riduzione degli utili del 22% a due cifre. Nel medio termine, gli utili dovrebbero continuare ad essere al di sotto del livello odierno, con un calo del -20% nel 2021, fino a raggiungere 1,1 miliardi di euro nel 2022.
Per rendersi indipendenti delle fluttuazioni di breve termine, che possono essere meno rilevanti per gli investitori di lungo periodo, siamo andato a guardare il best fit dl consenso degli analisti sugli utili previsti. La pendenza di questa linea è il tasso di crescita degli utili, che in questo caso è -0,6%. Questo significa che possiamo prevedere che Poste Italiane si scompone ad un tasso di -0,6% ogni anno per i prossimi anni.

Earnings = utile netto revenue = fatturato

Nella parte alta della figura sono mostrate la crescita attesa per  utile netto (earnings) e il fatturato (revenue) per Poste Italiane confrontate con il settore di riferimento e il mercato italiano. Nella parte bassa della figura è mostrata la crescita attesa per le due quantità in funzione dell’anno.

Un titolo da evitare per i cassettisti: analisi tecnica e previsionale su Poste Italiane

Poste Italiane (PST) ha chiuso la seduta del 10 maggio a quota 9,0€ in ribasso dello 0,09% rispetto alla seduta precedente.

Sul titolo è in corso una proiezione rialzista che ha raggiunto sia il I° che il II° obiettivo di prezzo. La corsa, però, potrebbe essere al capolinea. Come si vede dal grafico, infatti, la chiusura del 10 maggio ha confermato la rottura dell’importantissimo supporto in area 9,122€. A meno di pronti recuperi, quindi, la tendenza dovrebbe invertire al ribasso con prossimo obiettivo in area 8,2€.

Poste Italiane: proiezione rialzista in corso sul time frame giornaliero. La linea blu rappresenta i livelli di Running Bisector; la linea rossa i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione.

Poste Italiane: proiezione rialzista in corso sul time frame giornaliero. La linea blu rappresenta i livelli di Running Bisector; la linea rossa i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione.

Clicca qui per leggere le definizioni utilizzate in questo articolo.

Trova il tuo broker

Tickmill
Fisher Investments
Ava Trade

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.