Un titolo bancario con un potenziale di apprezzamento del 50%

La storia recente del titolo bancario Credito Valtellinese è stata abbastanza tormentata. Negli ultimi cinque anni, infatti, ha perso il 99,9% (93,7% tenendo conto del dividendo distribuito). Nell’ultimo anno, invece, ha perso solo il 16,2% (il dividendo non è stato distribuito). Un tracollo delle quotazioni che ha ridotto ai minimi termini il titolo bancario. Tuttavia potrebbero essersi create le condizioni per una ripresa che, se opportunamente tradata e con una gestione appropriata del rischio, potrebbe far guadagnare molti soldi agli investitori.

Per approfondimenti sul titolo Credito Valtellinese per leggere gli articolo precedenti clicca qui.

Le raccomandazioni su di Credito Valtellinese degli analisti

Nonostante i segnali di ripresa gli analisti sono ancora prudenti sul titolo bancario. Come si vede dalla tabella, infatti, il consenso medio è HOLD anche se il prezzo obiettivo medio vede le quotazioni sottovalutate del 20% circa.

Consenso medio HOLD
Numero di analisti 6
Prezzo obiettivo medio 0,08  €
Ultimo prezzo di chiusura 0,07  €
Spread / Prezzo obiettivo massimo 59,7%
Spread / Prezzo obiettivo medio 19,0%
Spread / Prezzo obiettivo minimo -12,9%

I punti di forza di Credito Valtellinese

  • La bassa valutazione, con un rapporto P/E pari a 7,38 e 6,92 rispettivamente per l’esercizio in corso e 2020, rende il titolo piuttosto interessante per quanto riguarda i multipli di utile.
  • Da diversi mesi, gli analisti stanno rivedendo le loro stime di EPS approssimativamente verso l’alto.
  • La differenza tra i prezzi correnti e il prezzo obiettivo medio è piuttosto importante e implica un significativo potenziale di apprezzamento del titolo.

I punti di debolezza di Credito Valtellinese

  • Secondo le previsioni di Standard & Poor’s, le prospettive di crescita del fatturato dovrebbero essere molto basse per i prossimi esercizi.
  • Le stime di vendita per i prossimi esercizi fiscali variano da un analista all’altro. Ciò evidenzia chiaramente una mancanza di visibilità sull’attività futura dell’azienda.
  • Negli ultimi dodici mesi, l’andamento delle revisioni delle vendite è chiaramente in calo, il che sottolinea le aspettative degli analisti.
  • Negli ultimi 12 mesi, gli analisti hanno abbassato regolarmente le loro aspettative in termini di EPS. Gli analisti prevedono risultati peggiori per l’azienda rispetto alle loro previsioni di un anno fa.

Analisi grafica e previsionale

Credito Valtellinese (CVAL) ha chiuso la seduta del 5 dicembre a quota 0,0681€ in ribasso dell’1,16% rispetto alla seduta precedente.

La tendenza in corso sul time frame giornaliero è ribassista, ma gli ultimi tre giorni potrebbero aver dato un forte segnale rialzista che, se confermato, potrebbe portare le quotazioni del titolo a un apprezzamento del 50% dai valori attuali.

Quali livelli monitorare per capire se si parte al rialzo o al ribasso?

Chiusure giornaliere inferiori a 0,06761€ farebbero precipitare i prezzi verso il II° obiettivo di prezzo in area 0,06131€.

I rialzisti, invece, tirerebbero un sospiro di sollievo con chiusure giornaliere superiori a 0,07148€

credito valtellinese

Credito Valtellinese: proiezione ribassista in corso sul time frame giornaliero. La linea blu rappresenta i livelli di Running Bisector; la linea rossa i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te