Un primo piatto economico e dal sapore piemontese, i rabatòn

In queste righe vogliamo suggerirvi una ricetta per un primo piatto economico e dal sapore piemontese, i rabatòn.  Una specialità appartenente alla tradizione contadina e dal procedimento semplice e veloce. Serviranno pochi ingredienti per cucinare un piatto dal sicuro successo e dal gusto antico. I rabatòn, infatti, hanno un’origine remota e racchiudono la storia del luogo in cui sono nati. La ricetta deriva dalle donne della Fraschetta, una zona compresa tra le città di Alessandria e Tortona. Niente come la cucina, infatti, può meglio rappresentare le tradizioni e le abitudini di un Paese. Nei suoi gusti, nelle ricette e nelle loro preparazioni ripercorriamo la vita del tempo passato. Riscoprendone la vitalità grazie all’armonia dei suoi sapori. Allora, non perdiamo tempo e cuciniamo insieme un primo piatto economico e dal sapore antico, i rabatòn. Ma segnati anche questa nostra ricetta per cucinare delle uova strapazzate a regola d’arte!

La storia e le origini

I rabatòn nascono dalla sapiente tradizione culinaria piemontese ed in particolare sono originari della zona della Fraschetta. Un’area compresa tra le città di Alessandria e Tortona, nella bassa pianura Padana. Proprio tra le nebbie locali si fa strada un primo piatto economico e dal sapore piemontese, i rabatòn. Questa specialità prende il nome dal dialetto “rabatà”, che rimanda al procedimento con cui vengono cucinati, ovvero schiacciando e rotolando l’impasto con le mani. Ogni anno a Litta Parodi viene reso omaggio a questo piatto antico con una sagra che accoglie palati curiosi provenienti da molte regioni d’Italia. La “Confraternita du rabatòn”, fondata nel 1999, ha il compito di valorizzare, garantire tutela e diffusione di questo piatto dalle origini remote. Una nonna alessandrina ci ha suggerito questa ricetta che riempie la tavola delle domeniche di festa passate in compagnia di figli e nipoti.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0, lo smartwatch di ultima generazione ad un prezzo incredibile.

SCOPRI DI PIU’

Smartwatch

La ricetta

Per preparare porzioni sufficienti per circa quattro persone, ci serviranno, prima di tutto, 400g di erbette o spinaci. Questi dovranno bollire per circa dieci minuti e, una volta cotti, li scoleremo con attenzione per eliminare l’acqua in eccesso. A questo punto, tritiamoli insieme ad uno spicchio d’aglio e del prezzemolo. Procuriamoci circa 200 grammi di ricotta piemontese ed uniamo due uova, 100 grammi di parmigiano e 70g di pangrattato. Amalgamiamo bene, aggiustiamo di sale e pepe. L’impasto dovrà risultare sodo e lavorabile così da poter formare, rotolandole nella farina, delle polpette allungate di circa sei centimetri. Sbollentiamo i nostri rabatòn in una pentola con acqua bollente salata, finché vengono a galla. Possiamo utilizzare anche l’acqua di cottura delle erbette, che avremo, quindi, messo da parte. Una volta scolati disponiamoli in una teglia imburrata. Cospargiamo con parmigiano, tocchetti di burro e foglie di salvia. Cuociamo in forno a 180° per circa un quarto d’ora, finché saranno leggermente dorati.

Consigliati per te