Un antico grano che fa molto bene: il Tumminia

In Italia la riscoperta del territorio e dei suoi prodotti tipici ha dato grandi frutti nell’ultimo decennio.

Nel settore delle farine e dei grani antichi sono state ritrovate molte varietà che era quasi perdute. Una di queste è il grano “Tumminia o Tumminia”, proveniente dalla Sicilia.

Il Tumminia è un grano antico che fa molto bene.

Scopriamo il perché.

Un po’ di storia

Il Tumminia è un grano duro coltivato in Sicilia nelle zone del trapanese e del ragusano.

Insieme al Russello, è uno delle tipologie di grano più antichi mai coltivati.

Oltre alla Sicilia, era diffuso in tutto il mediterraneo tra Portogallo, Francia e Spagna.

Nel passato questo grano pareva essere scomparso. Quasi estinto, non veniva quasi più coltivato.

Ma negli ultimi anni, per le sue proprietà e il suo gusto particolare, è stato rivalutato.

Grazie anche alla crescente sensibilità verso il biologico, contrario alle produzioni industriali.

Oggi il Tumminia è prodotto nelle zone interne della Sicilia. È conosciuto e apprezzato in tutta la penisola.

Un antico grano che fa molto bene: il Tumminia

Questo grano antico ha la particolarità di crescere in un tempo brevissimo. Viene coltivato a marzo in collina e a gennaio vicino al mare. Il Tumminia è un grano molto resistente. Si adatta a terreni e climi aridi ma cresce resiste anche alla pioggia e al freddo.

Diciamo che si adatta ai climi più diversi.

Il Tumminia è anche resistente naturalmente ai parassiti e non necessita di trattamenti.

Quindi la farina prodotta è al 100% biologica.

Famoso perché ingrediente fondamentale per il famoso pane di Castelvetrano. Questo pane nero molto profumato ha un buon valore nutrizionale e si mantiene per lungo tempo.

Le proprietà nutritive del grano Tumminia

La farina del grano Tumminia è ancora oggi macinata a pietra. La molitura segue la tradizione antica dell’uso dei mulini.

La farina ricavata è integrale; contiene naturalmente oligoelementi del germe di grano e crusca. Spesso pasta e pane che compriamo sono privi di questi due elementi. Sono questi ha dare il nutrimento.

Il Tumminia contiene poco glutine (adatta agli intolleranti). I prodotti derivati sono quindi più digeribili e leggeri.

Ovviamente il pane è il risultato migliore dell’uso della farina Tumminia. La farina di Tumminia ha un colore grigiastro e non assomiglia per niente alle farine che troviamo in commercio. Proprio per questo ne deriva un pane nero.

Comunque, è possibile fare il pane mescolandola a una farina di frumento più soffice e meno integrale.

Oltre al pane, troviamo in commercio la pasta di Tumminia artigianale sia fresca che secca. Si producono anche biscotti e dolci, anche se meno diffusi. Se vogliamo un sapore intenso, che si sposi con pomodoro fresco, melanzane, pesce e altri ingredienti dal sapore deciso, provatela.

Il Tumminia è un grano antico che fa  molto bene. Ora sapete il perché.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te