UBI Banca non salva Carige. Puntare sul titolo?

Ubi Banca (Ubi)  ha chiuso la giornata di contrattazione del 14 novembre a 2,63€ con un ribasso del 2,63%.

Il titolo ha segnato il massimo annuale a 4,293€ il 15 maggio ed il minimo annuale a 2,544€  il 26  ottobre.

UBI Banca non parteciperà direttamente al salvataggio di Banca Carige

Della situazione di Banca Carige abbiamo avuto già modo di parlare (Banca Carige sotto i riflettori a Piazza Affari).

Il Consigliere Delegato di UBI Banca, Victor Massiah, conversando martedì 13 novembre con i giornalisti a margine dell’Assemblea Generale dell’Associazione Industriale Bresciana, ha affermato: “”Ubi interverrà al salvamento di Carige attraverso il fondo Interbancario, ma non lo farà direttamente come istituto di credito”.

Lo ha precisato Massiah parlando della situazione di Carige ricordando “che le banche intervengono in questa situazione con soldi privati”. E ha aggiunto: “Il fondo speriamo venga rimborsato, quando ci sarà l’aumento di capitale, comunque quando qualcuno interverrà. Saremo noi? No”. UBI anca aderirà invece all’intervento del fondo, di cui fa parte. L’intervento del fondo, di cui lo stesso Massiah è consigliere, “è l’ennesimo segnale in cui le banche in autonomia, con propri soldi, non utilizzando i soldi pubblici, giungono in aiuto di una struttura momentaneamente in difficoltà e speriamo evidentemente di aiutare alla soluzione di questo problema”.

La trimestrale di UBI Banca (La Stampa)

Ubi Banca ha chiuso i primi nove mesi del 2018 con un utile di 260,6 milioni di euro: come si legge in un comunicato stampa del gruppo bancario «questo risultato consolidato è il migliore degli ultimi 10 anni».

«Mi aspetto un risultato complessivo annuo migliore di quello 2017 – ha commentato il consigliere delegato Victor Massiah -. Inevitabilmente l’incremento dello spread ha portato un impatto negativo sul patrimonio, ma altre voci e componenti ci hanno permesso di assorbirlo completamente. Il coefficiente patrimoniale CET1, il più rilevante per la misurazione della solidità, è allo stesso livello di giugno».

Raccomandazioni degli analisti per il titolo UBI Banca

MEDIOBANCA NEUTRAL 3.30 €
EQUITA SIM HOLD 3.70 €
BANCA AKROS NEUTRAL 3.60 €
CREDIT SUISSE NEUTRAL 3.30 €
JP MORGAN NEUTRAL 3.50 €
MORGAN STANLEY EQUAL WEIGHT 3.30 €

Analisi tecnica di Proiezionidiborsa sul titolo UBI Banca

Sul titolo è in corso una proiezione ribassista che ormai ha raggiunto il suo II° obiettivo di prezzo in area 2,7046€. Intorno a questo valore le quotazioni hanno preso a oscillare senza riuscire a prendere una direzione precisa. Le ultime quattro sedute, però, si sono mantenute sistematicamente sotto questo valore. Aumentano, quindi, le probabilità che UBI Banca possa raggiungere il III° obiettivo di prezzo in area 2,1374€. Su questo livello la spinta ribassista dovrebbe esaurirsi. Aspettare, quindi, questi livelli per aprire posizioni rialziste.

Una ripresa del rialzo si avrebbe con chiusure giornaliere superiori ad area 2,7046€.

UBI Banca: proiezione ribassista in corso sul time frame giornaliero

UBI Banca: proiezione ribassista in corso sul time frame giornaliero

UBI Banca non salva Carige. Puntare sul titolo? ultima modifica: 2018-11-15T07:58:24+00:00 da redazione
Opera sui Mercati con XM
Opera sui Mercati con XM



Le Fonti TV

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.