Tutto il piacere della zuppa patate e scarola dal sapore contadino

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

L’elevato valore nutritivo delle patate, ricche di acqua e di carboidrati, unito alle fibre ed ai preziosi sali minerali delle verdure. Succede a tavola per chi punta su tutto il piacere della zuppa patate e scarola dal sapore contadino. Ovverosia su un piatto che è povero ma che è pure a basso costo e perfetto per le stagioni fredde dell’autunno prima e dell’inverno poi.

Così come la ricetta per la zuppa di patate e di scarola e facile ed è veloce da preparare. Nel dettaglio, supponendo di servire a tavola per 6 persone, servono 250 grammi di patate, 600 grammi di scarola, 1 spicchio d’aglio, brodo vegetale, olio extravergine di oliva e peperoncino in fiocchi quanto basta. E come le possibili aggiunte, se disponibili, rappresentate dai fagioli e dai porri. Mentre per guarnire non devono mancare i crostini di pane ed il formaggio pecorino grattugiato.

OFFERTA SPECIALE - POCHI PEZZI DISPONIBILI
Magia di Stelle Premium: dai un tocco di magia alla tua casa

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

Ecco tutto il piacere della zuppa patate e scarola dal sapore contadino

Passando alla preparazione, la scarola lavata deve essere affettata rimuovendo il picciolo centrale, e poi messa in una padella capiente dove è stato scaldato l’olio con l’aglio. Per dare più sapore al soffritto aglio e olio si può inoltre aggiungere un porro.

Rosolare le patate e la scarola fino a quando la verdura non perderà la sua acqua di vegetazione. E poi coprire interamente con il brodo vegetale e cucinare a fiamma bassa con il coperchio fino a quando le patate non saranno cotte. Come per il porro, a questo punto si possono aggiungere alla scarola ed alle patate cotte pure i fagioli in scatola dopo averli scolati. E far cuocere, amalgamare e insaporire il tutto per altri 5 minuti aggiungendo il peperoncino in fiocchi.

A questo punto la zuppa di patate e scarola dal sapore contadino è pronta per essere servita in tavola. Ma solo dopo aver inserito in ogni piatto di portata i crostini di pane, con un’abbondante spolverata di formaggio pecorino. E in ultimo con un bel giro di olio extravergine di oliva.

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Consigliati per te