Tutti gli amanti del pesce dovrebbero stare bene attenti a questi alimenti che possono danneggiare seriamente la salute

Al giorno d’oggi tonnellate di plastica inquinano i mari, incluso il nostro Mediterraneo. Questo inquinamento non porta solamente problemi alla fauna acquatica, ma anche a noi umani.

Le microplastiche, infatti, sono capaci di danneggiare la salute umana senza che una persona se ne accorga. Ma come arrivano queste sostanze nei nostri piatti? Oggi spiegheremo perché tutti gli amanti del pesce dovrebbero stare bene attenti a questi alimenti che possono danneggiare seriamente la salute. Iniziamo subito.

SCOPRI L'OFFERTA SPECIALE
Acquista ora XW 6.0 dal sito web ufficiale

CLICCA QUI

Smartwatch

Che cosa sono le microplastiche e perché fanno male?

Le microplastiche sono particelle di plastica minori a cinque millimetri che si disperdono nell’ambiente in due modi.

Il primo deriva dagli oggetti dispersi nelle acque. A seguito del deterioramento di tali oggetti queste fibre entrano direttamente nell’acqua e poi negli organismi degli animali che li abitano.

Il secondo deriva dagli stessi oggetti utilizzati ogni giorno. Shampoo, detersivi e similari contengono, infatti, piccole particelle di plastica che finiscono poi nei mari.

Oltre agli ovvi problemi di inquinamento questi processi portano alla contaminazione di un ingrediente chiave delle nostre preparazioni, il pesce. Le microplastiche possono essere estremamente dannose per l’uomo, creando problemi a carico del sistema endocrino e interferendo con il genoma umano.

Tutti gli amanti del pesce dovrebbero stare bene attenti a questi alimenti che possono danneggiare seriamente la salute

Tutti coloro che pensano che questo problema stia ben lontano da casa dovrebbe ricredersi. Tra il mare della Sardegna e della Corsica si riscontrano alcuni tra i più alti livelli di microplastiche al mondo. Questo significa che buona parte del pesce pescato nella zona, che poi viene rimandato nelle maggiori città italiane, potrebbe presentare un alto tasso di microplastiche. In particolare, sono state riscontrate alte percentuali nei crostacei in una ricerca condotta dall’Università di Cagliari.

Tutti gli amanti del pesce sono avvertiti. È meglio pensarci due volte prima di gettare via della plastica. Prima o poi tutti i problemi ritornano, a volte, proprio nel proprio piatto.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze a riguardo, consultabili qui»)

Consigliati per te