Trump contro Powell: Casa Bianca contro FED

Trump non ha apprezzato le  dichiarazione del presidente della Banca centrale americana.

Il governo americano aveva più volte sostenuto una ulteriore politica espansiva monetaria  stimolato anche da tassi negativi.

Jerome Powell ha affermato “ la FED non sta pensando a tassi negativi”, almeno per adesso.

Fai trading sui mercati più famosi del mondo ed esplora le infinite opportunità con Plus500

Inizia a fare trading »

Il 76,4% degli investitori al dettaglio perde denaro sul proprio conto quando negozia CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

La soluzione ottimale quale può essere? Portare i tassi sotto lo zero o incrementare gli stimoli fiscali?

Lo stesso Powell consigliava maggiori interventi nel settore fiscale, per dare maggiori stimoli all’economia.

I tassi negativi non sempre hanno dato risultati positivi, il caso più eclatante  è quello del Giappone.

Anche l’U.E. con tassi quasi negativi non ha certo risolto il problema della crescita del PIL.

La grande finanza è favorevole alle richieste di Trump.

Perché?

Con i tassi negativi vi sarebbe l’inversione del credito, ovvero chi presta denaro deve pagare un tasso negativo. Alla scadenza del prestito riceve meno di quanto ha concesso.

Quali effetti positivi  provocherebbe questa politica monetaria di “credito facile”?

Sostanzialmente due:

  • aiutare gli investimenti, quindi la crescita economica generale;
  • far ripartire l’inflazione, che a detta di noti economisti è troppo bassa.

In Europa non è stato proprio così.

Le banche europee, ed in particolare quelle italiane, abituate a lavorare con differenziali tra tassi attivi e passivi di oltre 10 punti percentuali, hanno visto diminuire i loro introiti finanziari.

Se le banche italiane potessero pretendere dei tassi negativi  sui depositi dei propri correntisti sarebbe un vero disastro sociale.

Le banche continuerebbero a fare  credito a  breve a tassi ancora a due cifre e conseguentemente avrebbe incassi impropri sulle giacenze a debito.

Le banche italiane sono efficienti?

Se in Italia vogliamo continuare ad agevolare gli istituti bancari in maniera veramente sfacciata dovremmo richiedere da questi almeno una maggiore efficienza.

Cosa intendiamo per efficienza bancaria? Che il differenziale tra i tassi attivi/passivi  non possa essere maggiore del doppio, maggiorato di uno spread in tasso percentuale inferiore all’1%,  di quello praticato sul mercato ( tassi euroribor).

Altrimenti si legalizzerebbe un vero e proprio esproprio in favore delle banche, sarebbe forse meglio una tassa   patrimoniale straordinaria o ordinaria.

Questa imposizione andrebbe a favore di tutta la collettività.

Trump e FED: quali benefici di un tasso negativo?

L’unica cosa positiva  si avrebbe sul debito pubblico  in quanto consentirebbe allo Stato di emettere titoli a scadenze più lunghe e a tassi più bassi.

Il maggiore utile si avrebbe nella conversione temporale del debito, in quanto  le scadenze a breve termine sarebbero sostituite da scadenze medio lunghe.

Se l’economia statunitense continuerà a correre sicuramente non vedremo tassi negativi nel sistema finanziario americano.

Viceversa, nel caso in cui  aumenterà la disoccupazione,   non vi sarà quello stimolo alla ripresa economica, e l’emergenza del coronavirus non sarà risolta. Solo in questo caso   l’ipotesi di tassi negativi sarà presa in seria  considerazione dalla FED americana.

In tal caso,  a breve avremmo  un rafforzamento della moneta verde come non si era mai  visto da anni,  un vero e proprio superdollaro.

Scopri Plus500
Scopri Plus500

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.