Tre oggetti contro il Covid-19 indispensabili che non devono assolutamente mancare in ogni casa in questo periodo di pandemia

Come viene ripetuto giornalmente su giornali e televisori la curva dei contagi non sta calando in maniera continuativa. La paura aleggia per le strade sempre più vuote delle città italiane e le persone non sanno più cosa fare.

Per questo motivo è importante chiedersi cosa può fare il cittadino comune per prepararsi o proteggersi da una possibile infezione da Covid-19? Gli Esperti di ProiezionidiBorsa sono vicini ai propri lettori in questo delicato momento e vogliono provare a dare una risposta.

In questo articolo, in particolare, verranno analizzati i tre oggetti contro il Covid-19, indispensabili, che non devono assolutamente mancare in ogni casa in questo periodo di pandemia.

Come controllare i livelli dell’ossigeno

Come è risaputo uno dei sintomi principali da infezione da Coronavirus è l’insorgere di problemi respiratori. Ci si può sentire affaticati, avere difficoltà ad inspirare o sentire dolore ai polmoni nel momento in cui si respira.

Per capire se tali sintomi sono riconducibili al Covid-19 è necessario comprare uno strumento indispensabile che potrebbe diventare introvabile nei prossimi giorni, il saturimetro. Ebbene, questo strumento, in particolare, serve a controllare il livello dell’ossigeno nel sangue. In tal modo, dunque, è possibile constatare il corretto funzionamento dei polmoni.

Il suo funzionamento è semplice. Basta accendere il dispositivo e infilarlo al dito. Sul lato destro dello strumento verrà segnalato il tasso di ossigenazione del sangue, sul sinistro la pulsazione

Nel caso l’ossigenazione fosse al di sopra di 95 si può stare sereni. Ma nel caso fosse inferiore è necessario correre ai ripari e contattare immediatamente il proprio medico di base. È possibile acquistare un saturimetro in farmacia, o su Amazon, ad un costo che varia dai 30 ai 50 euro.

Come combattere il virus

Il secondo dei tre oggetti contro il Covid-19 indispensabili, che non devono assolutamente mancare in ogni casa, in questo periodo di pandemia, è il termometro.

Uno dei sintomi principali del virus è, infatti, l’insorgere di febbre alta. Un consiglio importante è quello di igienizzare questo strumento prima di misurarsi la febbre. Nel caso, infatti, anche solamente una persona avesse preso il virus in casa è importante che lo stesso non abbia la possibilità di espandersi.

Infine, è importante ricorrere ai farmaci giusti. Nell’armadietto delle medicine non dovrebbe mai mancare la tachipirina. Ma non solo. Indispensabili anche un mucolitico e l’augmentin.

Il primo servirà nel caso di insorgenza di febbre alta. Il secondo e il terzo, invece, aiuteranno a liberare le vie aeree. Ovviamente è estremamente importante contattare il proprio medico prima di iniziare qualsiasi cura. E chiedergli quali dosi prendere dei suddetti medicinali.

È, infine, essenziale fare scorta di vitamine. In particolare di vitamina C e D. Ciò in quanto fondamentali nel combattere i sintomi di affaticamento, conseguenza del virus.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te