blank

Trascurare il potenziale rialzista di questo mercato sarebbe un grande sbaglio

Da decenni sui mercati azionari c’era un grande malato. Una Borsa che aveva toccato il massimo nei lontani anni ’80 e che poi ha perso progressivamente smalto. Fino allo scorso anno, quando ha improvvisamente iniziato a correre.

Stiamo parlando della Borsa nipponica. Il Nikkei 225 è sui massimi degli ultimi 30 anni. In questo articolo vi riveliamo perché trascurare il potenziale rialzista di questo mercato sarebbe un grande sbaglio.

Dopo anni di andamento laterale, la Borsa nipponica torna a correre

La Borsa USA è senza dubbio stata la protagonista incontrastata degli ultimi 12 mesi. Dopo il crollo dei mercati a seguito dell’emergenza Covid-19, Wall Street a marzo dello scorso anno ha iniziato un recupero prodigioso. In 11 mesi l’S&P500, l’indice delle 500 maggiori aziende quotate al NYSE, ha guadagnato oltre il 70%, realizzando nel frattempo nuovi record.

Un balzo che ha messo in ombra la performance di un’altra importantissima Borsa mondiale, la seconda per dimensioni dopo quella USA, quella nipponica. Il mercato azionario giapponese è stato il grande malato mondiale per quasi 3 decenni. Ma da qualche mese l’indice Nikkei sta correndo al rialzo senza sosta e oggi è su valori che non toccava da decenni.

Trascurare il potenziale rialzista di questo mercato sarebbe un grande sbaglio

Il Nikkei 225, l’indice principale della Borsa di Tokio, oggi quota 30.000 punti. Era dall’agosto del 1990 che i prezzi non salivano così in alto. L’indice ha avuto un improvviso balzo a novembre, quando è riuscito a superare la resistenza a 24.000 punti. In tre mesi è salito del 25%.

Ma ciò che è importante osservare è la potenzialità rialzista per i prossimi mesi. L’indice sembra incamminato verso il raggiungimento dei massimi assoluti, che oramai sono a portata di mano. Il massimo del Nikkei 225 è stato toccato nel dicembre del 1989 a 39.000 punti circa.

Ad oggi il Nikkei 225 ha in quota 31.000 una resistenza oltre la quale sarà confermata la tendenza al rialzo in atto. Mentre a 29.000 ha un supporto relativamente importante. Una discesa dei prezzi sotto questo livello spingerebbe l’indice verso i 27.000 punti e interromperebbe la fase rialzista in atto.

Come potere sfruttare le potenzialità rialziste di un mercato azionario che sta volando?

Il modo più semplice per un risparmiatore, è puntare sugli ETF, gli Exchange Trade Fund. Per la Borsa nipponica gli Analisti di ProiezionidiBorsa hanno individuato l’ETF Ishare MSCI Japan (Isin: IE00B42Z5J44), quotato sulla Borsa di Milano. Attualmente quota appena sopra i 58 euro, quindi si può iniziare a puntare sul mercato azionario giapponese con meno di 60 euro. Nell’ultimo mese ha guadagnato il 5%, ma a 6 mesi il guadagno è stato del 22%.

Approfondimento

Un ETF che replica un indice dalla performance spettacolare

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te