Tra i fattori di rischio per cuore e cervello ci sarebbe anche questa abitudine molto diffusa

Sappiamo che esagerare a tavola può essere un rischio per il nostro organismo e non solo per il girovita. Un’alimentazione sbagliata può avere ripercussioni anche gravi sulla nostra salute. Quello che spesso dimentichiamo è che anche le abitudini che abbiamo quando ci alziamo da tavola possono influire negativamente o positivamente sul corpo. In particolare, i comportamenti che teniamo dopo cena. Una squadra di ricercatori statunitensi ha recentemente ultimato uno studio che lo testimonia. La ricerca, pubblicata sul “Journal of the American Heart Association”, evidenza i rischi del cosiddetto binge drinking. Tra i fattori di rischio per cuore e cervello ci sarebbe anche questa abitudine molto diffusa, che aumenta colesterolo e pressione sanguigna. Se a tanti il nome non dice nulla, scopriranno che si tratta di un’abitudine che, purtroppo, è sempre più popolare.

Tra i fattori di rischio per cuore e cervello ci sarebbe anche questa abitudine molto diffusa

Una ricerca pubblicata dal prestigioso “Journal of the American Heart Association” mette al bando il binge drinking. Questo è il nome con cui il Mondo chiama l’abitudine di bere 4 o 5 drink dopo cena, molto diffusa tra giovani e non. Il binge drinking, infatti, non darebbe problemi solo nell’immediato, ma se abitudinario aumenterebbe colesterolo, zuccheri e pressione del sangue. La conseguenza è un maggior rischio cerebrovascolare e cardiovascolare.

Per arrivare a dirlo, la ricerca ha preso un campione di 4.700 adulti, di età compresa tra 18 e 45 anni, e ha monitorato le abitudini alcoliche.

Gli studiosi hanno suddiviso il campione in 3 categorie: dai più avvezzi al binge drinking ai meno avvezzi.

Secondo i risultati ottenuti, chi rientrava nella prima categoria maturava maggiori rischi cardio e cerebrovascolari, traducibili soprattutto in rischio di infarto e ictus.

Piccole differenze tra uomini e donne

Un altro risultato raggiunto dalla ricerca mette in luce una leggera differenza nei rischi tra maschi e femmine. Tra i maschi, i grandi bevitori maturavano nel tempo un sensibile aumento di colesterolo e pressione sanguigna (l’ipertensione è il principale fattore di rischio cardiovascolare). Le femmine, invece, non avevano gravi ripercussioni in questi due campi. Tuttavia, era molto più frequente l’iperglicemia.

Secondo i ricercatori promotori dello studio, i risultati sono sufficienti per avviare una campagna informativa che allerti sulle conseguenze di questa abitudine. I soggetti più a rischio, in questo caso, sono proprio gli under 45, più avvezzi ad alzare il gomito senza controllo.

Lettura consigliata

Il cervello potrebbe non funzionare al meglio e avere dei blackout in chi trascura questa cosa

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te