Tonno in scatola, scegliamolo ottimo e utilizziamo in modo furbo anche l’olio e la lattina

Il tonno è uno dei prodotti più gustosi della tavola mediterranea e uno dei più utilizzati per i nostri menu quando arriva la bella stagione. Per fare un ottimo acquisto è bene conoscere alcuni trucchetti in fase di scelta.

Ma oggi scopriremo perchè può valere la pena di non buttare niente della sua confezione, grazie ai suggerimenti degli Esperti di Cucina di ProiezionidiBorsa.

Come scegliere un ottimo tonno in scatola

Tonno in scatola: scegliamolo ottimo e utilizziamo in modo furbo anche l’olio e la lattina. La ventresca di tonno, a dispetto del nome, è più pregiata del tonno a tranci che si trova nelle scatole di latta.

Le scatole più grandi, che possiamo trovare su internet, rettangolari e a edizione limitata, possono contenere tranci più grossi e saporiti. Molte tonnare si sono ormai organizzate con proprie linee di inscatolamento o lavorano a stretto contatto con piccoli produttori italiani di tutte le Regioni. E ci offrono un tonno straordinario: rosato, tenero e profumato.

Come riutilizzare l’olio per un sugo saporito

Meglio scegliere sempre il tonno immerso in olio extravergine di oliva o olio di oliva. Se ci teniamo alla linea, possiamo sgocciolare il tonno e servirlo con una spruzzata di limone non trattato.

Ma non buttiamo via questo olio saporito. Possiamo congelarlo in freezer in un barattolo di vetro e usarlo in futuro come base per un sughetto veloce. Basterà scongelarlo nel microonde e aggiungere un trito di aglio e prezzemolo insieme a qualche pomodorino oppure a cubetti di peperone giallo. Prima di condire la pasta, sfumiamo con un dito di vino bianco.

Come riutilizzare la lattina del tonno in modo creativo

Le lattine di tonno rettangolari dall’aria antica in colori rosso, azzurro o verde, sono perfette per decorare in modo creativo e raffinato a costo zero un triste cucinotto piastrellato. Basta aprirle dal basso, invece che dall’alto, con l’apriscatole. In questo modo avremo integra la parte più bella della confezione. Quella con il logo dell’azienda o con i tonni che saltano, con i santi protettori o le aquile di mare.

Teniamone da parte 25 o 36 lattine tutte uguali. Poi appendiamole con un semplice chiodo, in file da 5x 5 o da 6×6 sulla parete bianca a distanza di 15-20 centimetri l’una dall’altra. Quelle rosse si accompagnano bene a cucine con dettagli dello stesso colore come maniglie, pomelli, allegre tovaglie a quadretti. Conferiscono alla cucina un’aria da “antica salsamenteria o gastronomia”, di luogo dove si mangia bene.

Le scatole azzurre o verdi stanno bene appese sulla parete di cucine tutte bianche. Ci portano subito tra le onde del mare. Possiamo accompagnare questo decoro con cuscini azzurri o verdi sulle sedie e tovaglie a righe. Aggiungiamo piatti dal bordo azzurro o verde e bicchieri di vetro grosso, dello stesso colore.

Dunque, quando acquistiamo tonno in scatola, scegliamolo ottimo, e utilizziamo in modo furbo anche l’olio e la lattina.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te