Test rapidi in vendita on line: non sono attendibili

Da diverse settimane circolano sul web test rapidi per l’accertamento del coronavirus del costo di circa 25- 30 euro. Detti test consentirebbero di stabilire se si è  positivi al virus in pochi minuti e sono pubblicizzati come più affidabili dei tamponi. Naturalmente, essi attecchiscono bene in una situazione di ansia e terrore collettivi a contrarre il virus e casomani a trasmetterlo, in piena incoscienza, agli altri. Ciò, considerato l’elevato numero di asintomatici che rendono sempre più difficile lo stradicamento del problema.

Pertanto, vi e’ stata una corsa all’acquisto di questi “test lampo” ma qualcuno ne ha fatto segnalazione al Codacons, in quanto si sono riscontrate delle anomalie. Il tutto sarebbe nato da un sito chiamato TestCovid19.it, ove detti dispositivi sarebbero stati pubblicizzati come il lasciapassare per la risoluzione del problema dell’accertamento della positività. Tuttavia, se così fosse stato, gli Stati avrebbero acquistato essi stessi detti test per risolvere il grosso problema della carenza di tamponi sul mercato. Tuttavia, l’ostacolo è  dato proprio dal fatto che gli stessi non sono attendibili.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina Fit, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Codacons fa oscusare il sito in quanto i test rapidi in vendita on line non sono attendibili

Il Ministero della sanità ha messo in guardia i consumatori circa l’attendibilità di detti test, in quanto ha accertato che essi non sono attendibili. Pertanto, dovendo essere seguiti da ulteriori indagini, non avrebbero concretamente alcun senso. Per queste ragioni, il Codacons, onde evitare una corsa all’acquisto indiscriminate dei medesimi, ha fatto oscurare il sito anzidetto. Su quest’ultimo, tra le altre cose, mancavano anche i termini e le condizioni di uso dei prodotti venduti, obbligatorie per legge. Inoltre, su iniziativa di Codacons è stato fatto chiudere anche un altro sito, collegato al primo, chiamato Testcoronavirus.shop. Il sequestro dei sue siti è stato disposto con provvedimento dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Antitrust).

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te