Tesla perde 50 miliardi di dollari di capitalizzazione

Ieri gli investitori internazionali hanno voltato le spalle a Tesla, una mossa che è costata 50 miliardi in valore a Elon Musk. La sua promessa di tagliare drasticamente i costi di produzione per i veicoli elettrici, ma non prima di tre anni, non è piaciuta. La capitalizzazione di mercato di Tesla è scesa di 20 miliardi in sole due ore, dopo la chiusura del mercato. A fine giornata, Tesla perde 50 miliardi di dollari di capitalizzazione. Vediamo cosa è successo con gli esperti dell’Ufficio Studi di ProiezionidiBorsa.

Lo scivolone del Battery Day

Elon Musk aveva messo in calendario questo incontro con la comunità finanziaria, il “Battery Day,” da molto tempo. Ma forse avrebbe fatto bene ad appellarsi alla necessità di distanziamento da Covid-19 per rimandarlo. Quando il fondatore del colosso automobilistico e altri dirigenti hanno parlato della nuova batteria e delle strategie di produzione, gli applausi non sono bastati. Neanche quando ha confermato che l’anno prossimo porterà nel circuito tedesco della Formula Uno la nuova Roadster.

Il titolo, nell’ambizioso “Battery Day” ha chiuso a 424, 23 dollari, in calo del 5,6%. E ha continuato a diminuire, toccando il 6,9% di perdite nel trading post-mercato.

Scopri i vantaggi del trading con il leader nel settore
Se riesci a individuare le opportunità quando gli altri non le vedono, noi ti aiuteremo a sfruttarle nel modo migliore.

Scopri di più

Gli investitori si aspettavano più concretezza

Musk ha parlato a lungo sulle batterie, ma non ha dato nulla per scontato, hanno commentato molti analisti. Gli investitori si aspettavano due importanti annunci: lo sviluppo di una batteria con una durata di almeno 10 anni o più. E un obiettivo altrettanto atteso: la riduzione dei costi per produrla, per abbassare finalmente il prezzo di vendita. Per avvicinare il prezzo di un veicolo elettrico aa quello di un’auto a benzina.

Tesla perde 50 miliardi di dollari di capitalizzazione

Elon Musk ha annunciato, invece, di voler dimezzare i costi della batteria entro diversi anni con la nuova tecnologia. Insomma, per l’auto elettrica “economica” si deve aspettare. Ci vorranno non meno di tre anni per produrre un’auto da 25 mila dollari. Egli ha ammesso che il produttore deve ancora finalizzare il design. Non è la prima volta che in Tesla si mancano gli obiettivi di produzione fissati da Elon Musk. Ma stavolta il mercato non appare indulgente. Tesla perde 50 miliardi di dollari di capitalizzazione in un giorno. Persino Bill Gates stavolta snobba Musk e compra Porsche Taycan.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te