Telecom potrebbe aver raggiunto un bottom e insieme a Deutsche Telekom iniziare a volare dopo anni di ribassi

Piazza Affari dopo anni di sofferenza, continua a mostrare forza relativa rispetti agli indici azionari europei e non solo. Al momento, tranne capovolgimenti repentini, l’obiettivo è posto fra 28.200/28.00 entro un paio di settimane, e poi 30.000/30.500 da raggiungere per/entro Natale. Questi sono obiettivi intermedi, perchè il nostro Ufficio Studi proietta il raggiungimento  dei 40.000 punti nei prossimi 18 mesi.

Su cosa investire?

Riteniamo che il settore delle telecomunicazioni rimasto fermo da anni potrebbe da ora in poi partire con decisione al rialzo. Nei mesi scorsi, ci eravamo già occupati delle due società ma oggi torniamo sull’argomento perchè ci potrebbero essere delle buone notizie da valutare sia per chi possiede i  titoli ma anche chi vorrebbe comprarli ed è rimasto a bordo campo per diversi mesi.

Infatti, Telecom potrebbe aver raggiunto un bottom e insieme a Deutsche Telekom iniziare a volare dopo anni di ribassi

Analisi sommaria di bilancio

Stimiamo un fair value per il titolo Telecom Italia in area 0,92. Le raccomandazioni degli altri analisti (23 giudizi) invece proiettano un prezzo obiettivo in area 0,47.

Per Deutsche Telekom invece, calcoliamo un fair value a 50 euro, mentre le raccomandazioni degli altri analisti (24 giudizi) invece proiettano un prezzo obiettivo in area 22,57.

Telecom potrebbe aver raggiunto un bottom e insieme a Deutsche Telekom iniziare a volare dopo anni di ribassi. La nostra strategia di investimento

Telecom Italia (MIL:TIT), ultimo prezzo a 0,3300. Fino a quando non si assisterà ad una chiusura settimanale inferiore a 0,3024, i prezzi potrebbero continuare a salire in pochi mesi verso l’area di 0,4424  e poi 0,50. Una chiusura giornaliera inferiore a 0,3028 sarebbe un primo segnale ribassista.

Deutsche Telecom (MIL:DTE), ultimo prezzo a 16,574. Fino a quando non si assisterà ad una chiusura settimanale inferiore a 15,642, i prezzi potrebbero continuare a salire in pochi mesi verso l’area di 25 euro. Una chiusura giornaliera inferiore a 16,23 sarebbe un primo segnale ribassista.

Si procederà per step e di volta in volta si aggiusterà il tiro.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te