Sveliamo perchè buttare l’acqua di cottura del polpo è un grave errore se può essere utilizzata per un piatto gourmet

Il polpo è considerato il re dei molluschi. La sua carne gustosa, ricca di salinità, ricorda il profumo del mare. Ma deve essere di buona qualità per avere una carne morbida e succosa. Inoltre, è necessario saperlo cucinare bene. Contrariamente si otterrà una carne stopposa e secca.

In Italia, i luoghi dove si pesca maggiormente sono il mar Tirreno e l’Adriatico. Infatti, quando si compra del polpo proveniente da queste zone si considera molto pregiato. Le ricette con protagonista questo mollusco sono tantissime e fanno parte della tradizione marinara di molte città. La bollitura è la cottura più tradizionale a cui viene sottoposto il polpo.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Ma una volta cotto, cosa fare dell’acqua di cottura? In questo articolo sveliamo perché buttare l’acqua di cottura del polpo è un grave errore se può essere utilizzata per un piatto gourmet.

Le proprietà benefiche del polpo

Questo mollusco si distingue da tutti i suoi cugini. La sua carne è ricca di fosforo, potassio e calcio. Possiede anche una buona dose di vitamina A e B1. La sua carne è tra le meno grasse del regno marino. Infatti, il polpo è indicato per diete dimagranti e ipocaloriche, dove si necessita un buon apporto proteico.

In fine, la consistenza della carne del polpo ha un forte potere saziante. L’unico svantaggio: sarà anche poco grasso, ma contiene buone dosi di colesterolo. Ecco perché non bisogna abusarne.

Sveliamo perchè buttare l’acqua di cottura del polipo è un grave errore se può essere utilizzata per un piatto gourmet

La bollitura del polpo deve rispettare alcuni criteri affinché il risultato sia perfetto. Bisogna raggiungere la temperatura di 100°C. Raggiunta la temperatura, il polpo deve essere immerso tenendolo dalla testa. Iniziamo con i tentacoli e teniamoli per alcuni secondi. Immergiamoli e risolleviamoli 3 volte. In fine, immergere totalmente il polpo in acqua e coprire la pentola con un coperchio. Dopo 20 minuti il polpo è pronto.

Sveliamo perchè buttare l’acqua di cottura del polpo è un grave errore se può essere utilizzata per un piatto gourmet. Una volta scolato il polpo, è il momento di utilizzare l’acqua di cottura per altre ricette. Questo è un trucco che non molti sanno. Con quest’acqua dove il polpo ha cotto si può dar vita a piatti eccezionali. Uno di questi è il risotto. Ci vorranno solo una cipolla bianca, un bicchiere di bianco per sfumare e il brodo di polpo.

Allo stesso modo, l’acqua può essere usata per preparare uno spaghetto di pesce. Oppure prepariamo un guazzetto o una zuppa, immergendo nel brodo altri pesci e cuocendoli insieme. Si proverà un sapore intensificato, di mare e salsedine, che non si è mai gustato.

Consigliati per te