Svelati a sorpresa tutti i trucchi delle nonne per delle conserve autunnali strepitose

Terminata l’estate, l’autunno è una di quelle stagioni che si presta benissimo a preparare le conserve. Un po’ perché così riusciamo a passare in allegria e spensieratezza le grigie giornate autunnali. E un po’ perché durante il lungo inverno avremo così modo di assaggiare i prodotti della nostra dispensa. Come accadeva ai tempi delle nostre nonne che preparavano delle strepitose marmellate, ottimi sughi e perfino fantastici succhi di frutta. Ovviamente preparare le conserve richiede comunque delle attenzioni e qualche trucchetto per mantenere gli alimenti perfetti. Ecco, allora svelati a sorpresa tutti i trucchi delle nonne per delle conserve autunnali strepitose.

Come creare innanzitutto un sottovuoto perfetto

La prima cosa da fare per garantire il successo alle nostre conserve è la creazione di un sottovuoto praticamente perfetto. La procedura è quindi questa:

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
La nuova friggitrice ad aria che amerai: zero odori, zero schizzi

SCOPRI IL PREZZO

Oil free
  • innanzitutto, riempiamo con il prodotto il nostro vasetto;
  • quindi chiudiamo con l’apposito tappo ermetico;
  • rimettiamolo quindi nuovamente nella pentola con uno strofinaccio che faccia da base e un altro posto in mezzo ai barattoli;
  • riempiamo d’acqua la pentola, portandola a bollore;
  • cuociamo per una mezz’oretta.

Svelati a sorpresa tutti i trucchi delle nonne per delle conserve autunnali strepitose

Per capire se effettivamente abbiamo creato il sottovuoto, ecco ancora una volta un vecchio trucchetto delle nonne. Il tappo del coperchio deve essere appena concavo e se premiamo sul suo centro non dobbiamo sentire alcun rumore. Altrimenti, sempre valido è anche il sistema di picchiettare sul tappo con un cucchiaio. Se sentiamo il caratteristico suono metallico il nostro sottovuoto sarà uscito alla perfezione. Questa tecnica, lo ricordiamo, è assolutamente fondamentale per evitare che l’ossigeno non stazioni all’interno del barattolo a contatto con gli alimenti. Eliminando qualsiasi presenza di ossigeno permetteremo alle proprietà naturali degli alimenti interni di conservarsi intatte a lungo.

Come agire invece nel caso in cui non si sia formato il sottovuoto

Abbiamo sopra visto le modalità corrette per avere successo col nostro sottovuoto. Ma cosa dovremmo fare invece nel caso in cui l’operazione non andasse a buon fine? Innanzitutto, non disperarci, ma per prima cosa semplicemente prendere un tappo nuovo e sostituire quello precedente. A questo punto, ricominciamo il ciclo preparando un tegame che contenga il barattolo fallato, o, eventualmente i barattoli. Come consigliano gli esperti, questa è la stagione perfetta per creare delle ottime conserve di cachi, pere, castagne, ma anche di zucca.

Approfondimento

Preparare il sugo al pomodoro per la pasta sembra semplice ma con questi trucchi diventerà perfetto

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te