Superare per sempre gli attacchi di panico sarebbe possibile grazie all’unione di queste 2 cure

Sono sempre di più le persone che si accorgono di soffrire di attacchi di panico. Secondo recenti statistiche, in Italia ne soffre circa il 6% della popolazione, in un rapporto di 2 a 1 tra donne e uomini. L’attacco di panico è un vero e proprio disturbo psichiatrico che porta a un’improvvisa sensazione di tachicardia e soffocamento. Può lasciare, su chi ne soffre, un continuo senso di ansia, che costringe a modificare le abitudini quotidiane, a essere costantemente all’erta.

È questa la parte più invalidante del disturbo da attacchi di panico: il timore costante che il panico possa tornare da un momento all’altro. Ma, come ogni malattia, anche il disturbo da attacchi di panico prevede una cura, che in questo caso ha natura duplice: farmacologica e psicologica. Superare per sempre gli attacchi di panico sarebbe possibile grazie all’unione di queste 2 cure, già ampiamente testate in medicina. Vediamo come riconoscere gli attacchi di panico e come sarebbe possibile uscirne.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Come riconoscere gli attacchi di panico

Bisogna distinguere tra gli episodi di attacchi di panico e la vera e propria sindrome. Chiunque può aver sperimentato un episodio isolato di tachicardia, giramenti di testa e senso di oppressione. Chi può dire di avere un vero e proprio disturbo è chi si sente costantemente braccato dall’angoscia che questi episodi ritornino. Questa angoscia finisce per monopolizzare la vita di chi la prova. Per esempio, un tipico comportamento di chi ne soffre è evitare i luoghi in cui si è verificato un attacco per paura che succeda nuovamente.

Questa ansia anticipatoria può sopraggiungere dopo qualche episodio, ma in alcuni casi si avverte già dopo il primo attacco di panico. L’elenco completo dei sintomi comprende: palpitazioni, senso di soffocamento, costrizione toracica, giramenti di testa, dolore addominale, vertigini, nausea, frequente stimolo d’urinare, parestesie, diarrea e tremori.

Superare per sempre gli attacchi di panico sarebbe possibile grazie all’unione di queste 2 cure

Uscire per sempre dal turbine degli attacchi di panico sarebbe possibile unendo terapia farmacologica e psicoterapia. La terapia farmacologica si basa spesso su farmaci serotoninergici. Questi farmaci servono a limitare gli effetti degli attacchi, ma non possono nulla sull’ansia anticipatoria. Qui entrerebbe in gioco la psicoterapia, che serve ai pazienti per ricominciare a vivere una vita normale, non condizionata dalla paura. La cura farmacologica dura mediamente intorno ai 2 anni, dando successi soddisfacenti nel 70-80% dei casi. La sola terapia, senza aiuto farmacologico, ha una percentuale di successo intorno al 50-60%. Ovviamente queste cure sono attuabili solo dopo il parere di medico esperto.

Approfondimento

Combattiamo ansia e insonnia con questo prodotto amatissimo e immancabile nel carrello d’ottobre

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te