Super dollaro e declino europeo. Le attese sui mercati per la prossima settimana

a cura della Dott.ssa Giovanna Maria Cristina Sambataro dai suoi uffici di Boston

La settimana che si è appena conclusa ha visto rafforzare nuovamente la moneta americana toccando nuovi record che non si vedevano da anni: contro l’euro, infatti, è riuscito a essere scambiato a 1.0580, stesso discorso per lo yen che si avvicina sempre più a quota 111.00. L’unica a resistere al super dollaro è il rublo, che grazie alla risalita del prezzo del petrolio è riuscita a recuperare terreno. Trump e subito dopo la Yellen hanno dato una vera e propria impennata alla moneta, che di questo passo si dirige verso la parità. Gli indici americani, peraltro, nell’ultima sessione, dopo aver toccato nuovi massimi intraday, hanno chiuso appena sotto la parità. La strada al rialzo continua a essere percorsa dai mercati americani. Si può dire lo stesso per quelli europei?

Ovviamente no. I problemi economici e politici dell’Unione Europea hanno condotto gli indici al ribasso. Unione forse solo monetaria oramai, i dissapori tra Germania e Draghi continuano a farsi sentire, ma il presidente della BCE ha ribadito ieri durante la sua conferenza stampa che continuerà a mantenere il QE.

In tale contesto, il problema bancario italiano mostra un’estrema debolezza finanziaria che ha portato Piazza Affari a 16.265,90 punti e il ribasso non sembra aver posto la parola fine, anzi. Le banche, nonostante la ricapitalizzazione, hanno già esaurito la loro liquidità indebitandosi e, pertanto, si apprestano nuovamente a ripetere lo stesso iter. Per gli investitori che comprano obbligazioni è un vero e proprio affare, poiché possono riscuotere le cedole maturate, ma gli azionisti, invece, si trovano in uno stato di maggiore stress.

Ad acuire questa drammatica situazione finanziaria, si aggiunge il referendum italiano. Gli investitori esteri seguono la vicenda molto da vicino e la Merkel ha già ribadito che se dovesse vincere il NO, l’Italia dovrebbe uscire dall’Unione Europea. Renzi, congiuntamente, ha dichiarato che in caso di vittoria del NO, consegnerà le sue dimissioni. Tra due settimana ci sarà il referendum e il FTSE Mib subirà ulteriori stress e i sondaggi, ormai considerati poco affidabili dopo la Brexit e Trump, non sono presi minimamente in considerazione. Molti cittadini italiani non hanno esplicitato le loro volontà, questa fetta di popolazione, pertanto, può capovolgere l’esito del referendum.

 

Per quanto riguardo le commodities, l’oro, considerato bene di rifugio per eccellenza, ha quasi toccato 1.200$ per oncia. Il super dollaro ha fortemente penalizzato il suo prezzo, così come l’argento e gli altri metalli. Solo l’oro nero ha ripreso il fiato grazie al pre-meeting da parte di alcuni membri dell’Opec. L’Arabia Saudita è disposta a ridurre la loro produzione e la Russia sembra essere concorde. Ma sarà davvero così? Non resta che aspettare giorno 30 per il verdetto finale.

Chi vuole essere portato per mano e vuole, guadagnare costantemente sui mercati puo’ sottoscrivere l’abbonamento al Blog Riservato

Quali sono i livelli di breve da monitorare per la prossima settimana e che potrebbero essere zone in cui arriva un ritracciamento o un rimbalzo o dalle quali inizia un rialzo o ribasso?

Future Ftse Mib

Il trend di breve è rialzista sopra 17.105 in chiusura di giornata Ribassista sotto 16.145 Laterale fra i 2 valori

Future Dax

Il trend di breve è rialzista sopra 10.794  in chiusura di giornata. Ribassista sotto 10.597 Laterale fra i 2 valori

Future Eurostoxx

Il trend di breve è rialzista sopra 3.073 in chiusura di giornata. Ribassista sotto 2.873. Laterale fra i 2 valori

S&P 500

Il trend di breve è rialzista sopra 2.182. in chiusura di giornata. Ribassista sotto 2.155. Laterale fra i 2 valori

Euro Dollaro

Il trend di breve è rialzista sopra 1.0841 in chiusura di giornata. Ribassista sotto 1.0826.Laterale fra i 2 valori

Future Bund

Il trend di breve è rialzista sopra 161,10 in chiusura di giornata. Ribassista sotto 159,78. Laterale fra i 2 valori

Consigliati per te